All posts by Giancarlo Gaimari

Boote ovvero Allevamento 4.0

Quando pensiamo a tecnologie quali IoT,  Blockchain, BigData ed AI ci viene subito in mente l’industria o la finanza, ma la loro versatilità è tale che possono essere applicate e portare benefici anche a settori tradizionali, che hanno accompagnato l’uomo dalla preistoria ai giorni nostri, come l’allevamento.

E’ quello che ha fatto BOOTE, e lo ha fatto così bene da meritarsi il  Premio Speciale TalenTour alla XII edizione del premio BEST PRACTICES per l’Innovazione, organizzato da Confindustria Salerno il 6-7 dicembre 2018.

Il Premio Speciale TalenTour, da sempre finalizzato alla promozione e al matchmaking del vincitore, sia a livello nazionale sia a livello internazionale, nel caso di Boote Srl è consistito:

– nella partecipazione ad un incontro con una multinazionale giapponese molto attenta e interessata a soluzioni IoT;

– nella possibilità di conoscere l’ecosistema tecnologico e le aziende liguri, presentando il proprio prodotto all’evento CoffeeTech del 29 Marzo organizzato da Confindustria Genova.

Ma parliamo ora di BOOTE e del suo prodotto.

imm1

Boote è una startup lucana che prende il suo nome dalla costellazione del mandriano (o Bootes in latino); è stata fondata nel Febbraio 2018 da Giovanni Pergola e Antonio Pessolani che assieme a Antonio Possidente e Ivan Cavallo rappresentano le “stelle” di questa costellazione.che si prefigge di supportare con strumenti tecnologici e innovativi l’allevamento al pascolo libero.

imm2

La mission di Boote è di supportare con strumenti tecnologici e innovativi l’allevamento al pascolo libero.

Il pascolo libero rispetto all’allevamento in stalla ha indubbi vantaggi in termini di qualità della vita dell’animale che si traducono in termini di qualità dei prodotti da essi derivati (latte e carne) che finiscono sulle nostre tavole.

Boote attraverso la sua soluzione IoT e Blockchain si prefigge due obiettivi: abbassare i costi dell’allevamento al pascolo avvicinandoli a quelli dell’allevamento in stalla e certificare la filiera perché il consumatore finale sappia veramente cosa troverà nel suo piatto.

Questa breve animazione ci dà un’idea delle problematiche da affrontare per semplificare la gestione di una mandria al pascolo e della soluzione proposta da Boote.

Boote ha sviluppato una complessa piattaforma informatica/elettronica composta da un sistema informatico centrale e da un device hardware (Boote collar).

imm3

imm4

Il collare intelligente (Boote Collar) monitora in tempo reale tutte le attività del bovino ed alcuni suoi parametri vitali. I dati vengono raccolti e inviati ad una piattaforma informatica altamente tecnologica che li elabora e li interconnette,  tramite tecniche di AI, ad ulteriori basi di dati quali ad esempio quelle delle colture arboree presenti, del meteo localizzato, di attività umane che possono interferire con l’allevamento, ecc.
I dati così elaborati rilevano la posizione lo stato di salute degli animali ed indicazione di potenziali pericoli fornendo all’allevatore indicazione sui comportamenti da adottare, analisi predittive ed informazioni per migliorare ed ottimizzare il suo lavoro sollevandolo dalla necessità di seguire in maniera continuativa la mandria.

In conclusione i dati raccolti relativi allo stato di salute delle mucche e alla qualità dell’ambiente dove effettivamente vive il bovino forniranno informazioni utili a garantire, tramite la food Blockchain creata, la tracciabilità e la rintracciabilità dei prodotti carne e latte.

imm5

Boote per lo sviluppo della sua piattaforma che ha battezzato “Mandriano 4.0” si avvale della collaborazione di associazioni di categoria quali Coldiretti Basilicata ed è fortemente interessata a sviluppi commerciali con aziende che già si occupano di zootecnia per ampliare i canali di vendita e distribuzione del sistema.

Boote ha anche interessi a costituire e consolidare rapporti commerciali con fornitori dei componenti del sistema e cioè, dei circuiti integrati, della connettività (gestori fonia e dati), dei pannelli fotovoltaici e delle batterie nonché dei servizi cloud e della stampa 3d dei Boote collar

Boote ha presentato il suo prodotto a Startup Basilicata, Potenza il 27 settembre 2018,  a SMAU Milano 23-24-25 Ottobre 2018 e alla XII edizione del premio BEST PRACTICES per l’Innovazione, Salerno il 6-7 dicembre 2018, riscuotendo  grande interesse dei presenti, incluso il nostro, che abbiamo deciso di assegnarle il Premio Speciale TalenTour come migliore Startup.

 

BPI_Boote_1

BPI_Boote_2

Di fronte a questa bella realtà, noi di Talentour non possiamo fare altro che i nostri migliori auguri per un rapido approdo di Mandriano 4.0 sul mercato.

A M2M Forum l’Open Innovation incontra l’Internet of Things

Si è da poco conclusa la seconda edizione della  Disruptive Week Milan 2016, la settimana dedicata all’innovazione digitale che ha luogo in varie parti di Milano.

Header_small-300x48

La Disruptive Week consiste in una serie di eventi nazionali e internazionali dedicati allo sviluppo di tecnologie emergenti e cosiddette disruptive, con particolare focus su M2M, Internet of Things (IoT), Robotics, Smart Energy, Wearable, Machine Learning, Smart Home, Health e Industry 4.0.

La manifestazione è disruptive anche nella sua struttura, perché si discosta dallo schema della fiera tradizionale e propone eventi con format innovativi e diversi tra loro a seconda del target al quale sono indirizzati: conferenze, aree espositive, talk show, visite d’impresa, matchmaking, hackathon.

IoT_Logo-1030x221

m2m_2016_con_data

Esempi ormai conosciuti di tali eventi sono:

  • M2M Forum, appuntamento “cuore” della DW giunto alla sua quindicesima edizione e che l’anno scorso ha visto oltre 1200 partecipanti da 21 paesi diversi, 86 aziende sponsor, espositori e partner, 254 incontri bilaterali di business matching;
  • IoT Now, conferenza internazionale riservata che unisce e presenta l’ecosistema che parte dagli “storici” player M2M del mondo dell’elettronica e dell’automazione industriale, con i nuovi operatori del Web 2.0, del Crowdesign e i Maker, passando per il mondo IT, Telco e Venture Capital.

Vista però l’importanza sempre crescente dell’Internet delle Cose, quest’anno la DW ha previsto un evento nuovo, chiamato IoT Valley Tour e finalizzato a incontrare aziende e startup innovative operanti in questo settore allo scopo di valorizzare la nascente “IoT Valley” lombarda.

IOT VALLEY TOUR

Il palinsesto dell’IoT Valley Tour, organizzato da TalenTour e da Innovability, ha previsto quattro tappe:

  • Visita al Wireless Innovation Hub di TIM e presentazione a cura
    di Olivetti sulle applicazioni IoT per Smart Mobility
    (in data 9 maggio presso il Telecom Italia Lab di Torino);
  • Visita al Computer Assisted REhabilitation Lab della Fondazione Don Carlo Gnocchi(in data 9 maggio presso la Fondazione Don Carlo Gnocchi a Milano);
  • Partecipazione al Things2Biz Talk  organizzato da SAP in collaborazione con HP Enterprise e Intel
    (in data 10 maggio presso il Bou-tek di Milano)
  • Presentazione di “Beyond dashboards: the Analytics of Things” nell’ambito del M2M Forum da parte di Camelot Biomedical Systems  (in data 11 maggio presso il Centro Guida Sicura ACI SARA di Lainate – Milano).

L’intero tour ha avuto successo sia per i contenuti offerti al pubblico sia per il numero di partecipanti.

Noi di TalenTour siamo soddisfatti per questa esperienza nell’ambito della DW ma soprattutto siamo fieri per aver portato al M2M Forum una eccellenza ligure come Camelot, PMI innovativa da tempo da noi seguita (TalenTour meets Camelot).

Click to enlarge
Click to enlarge

Curzio Basso (co-founder di Camelot) e Michela Moraldo (ricercatrice presso l’Imperial College London) hanno presentato Otus Technology, il brand di Camelot che fornisce soluzioni di predictive e prescriptive analytics per l’Internet of Things.

This slideshow requires JavaScript.

Quindi hanno descritto e dimostrato tre soluzioni di analytics sviluppate per tre diversi scenari applicativi ed in collaborazione con diversi partner:

  • Previsione dei consumi energetici,
  • Wearables per Healthcare & Wellness,
  • Travel security.

This slideshow requires JavaScript.

Si è trattato quindi di una tappa veramente in linea coi temi e con le tecnologie disruptive della DW: IoT, Smart Energy, Wearable, Security.

Per questo motivo condividiamo con voi parte delle slide presentate al pubblico, invitandovi a contattare Curzio via mail (curzio@camelotbio.com) per ulteriori chiarimenti o domande.

camelot slides

La partecipazione di Camelot all’IoT Valley Tour e poi all’exhibit di M2M Forum, con uno stand proprio, fa parte di un percorso intrapreso da mesi insieme a TalenTour, un percorso di Open Innovation volto promuovere e a supportare la crescita di una realtà così valida nel settore IoT e Data Analytics.

Dopo l’esperienza della DW la partnership tra Camelot e TalenTour è ulteriormente consolidata e pronta a nuove sfide.

Stay tuned!

Giancarlo Gaimari

GENOVA, CAPITALE DELLA ROBOTICA

Dopo un anno di successi, a dicembre TalenTour torna nel luogo dove ha iniziato le proprie attività: l’Istituto Italiano di Tecnologia

amarcord

 

Per festeggiare l’evento abbiamo contattato i migliori talenti della robotica presenti a Genova:

Giorgio MettaGiorgio Metta, direttore del dipartimento IIT “iCub Facility”, dove guida lo sviluppo del robot umanoide iCub (iCub è un “cucciolo umano” di robot, un progetto partito nel 2003 per studiare i meccanismi della cognizione umana). Autore di oltre 200 pubblicazioni, è anche professore di Robotica Cognitiva all’Università di Plymouth (UK). Le sue attività di ricerca riguardano la robotica bioinspirata, con particolare attenzione verso lo studio e la realizzazione di sistemi artificiali dotati di capacità di apprendimento automatico.

Giulio SandiniGiulio Sandini, direttore presso l’IIT del dipartimento “Robotics, Brain and Cognitive Sciences” (RBCS) e docente di Bioingegneria all’Università di Genova. Autore di oltre 300 saggi e di cinque brevetti internazionali, svolge attività di ricerca nel campo della visione biologica e artificiale, delle neuroscienze computazionali e cognitive e della robotica, con l’obiettivo di comprendere i meccanismi neurali del coordinamento senso-motorio umano e dello sviluppo cognitivo, sia da una prospettiva biologica che artificiale.

Alessandra SciuttiAlessandra Sciutti, ricercatrice del dipartimento RBCS presso l’IIT, focalizzata sul controllo motorio, sull’integrazione sensomotoria e sull’interazione uomo-robot, in collaborazione con un gruppo multidisciplinare (esperti di robotica, psicologi, neuroscienziati).
Ha lavorato presso il Laboratorio di Robotica dell’Istituto di Riabilitazione di Chicago e presso il Laboratorio di Robotica emergente dell’Università di Osaka.

Con loro TalenTour ha studiato una proposta interessantissima per qualsiasi esperto e appassionato di robotica.

In data 2 e 3 dicembre sarà possibile partecipare alla conferenza di CODEFROR che si terrà presso l’IIT in Via Morego 30, Genova.

La partecipazione al workshop è gratuita, ma richiede una registrazione per scopi organizzativi.

Il programma dettagliato e il modulo di iscrizione sono disponibili sul sito web del laboratorio: https://www.codefror.eu/events.

La scadenza per la presentazione della registrazione e dell’abstract è il 25 novembre.

L’evento è organizzato congiuntamente dal progetto europeo CODEFROR (COgnitive Development for Friendly RObots and Rehabilitation), di cui è responsabile Alessandra Sciutti, e il “JSPS  Core to Core program: Competitive Partnership on Cognitive Neuroscience Robotics”.

CODEFROR è un progetto europeo nell’ambito del “International Research Staff Exchange Scheme” (FP7-MSCA-PIRSES-2013-612555), che indaga gli aspetti dello sviluppo cognitivo umano con il duplice obiettivo di sviluppare robot capaci di interagire con gli esseri umani in un modo amichevole e di progettare e testare i protocolli per la riabilitazione dei bambini disabili.
I partner del progetto sono l’Istituto Italiano di Tecnologia, Università di Bielefeld in Germania, Osaka e Tokyo in Giappone.
La pagina web del progetto è: https://www.codefror.eu/.

Il programma del workshop è costituito da due giorni di presentazioni da parte di relatori invitati che vanno dalla robotica cognitiva alla cognizione umana, dalla interazione uomo-robot, alla riabilitazione robotica e sensoriale, dalla robotica chirurgica alle neuroscienze computazionali.
Tra gli speaker: Minoru Asada, Yukie Nagai and Takashi Fujikado (Osaka University), Jochen Steil and Friederike Eyssel  (Bielefeld University), Rajesh Rao, (University of Washington), Gabriel Baud-Bovy, Cristina Becchio, Fabio Benfenati,  Luca Brayda, Leonardo De Mattos, Monica Gori, Hagen Leman, Pietro Morasso, Giulio Sandini (IIT).

 

Codefror

Qualche giorno fa TalenTour ha avuto anche l’opportunità di incontrare Giorgio Metta in un Pint of Talent, che  è stato l’occasione per capire meglio come è organizzato l’iCub Facility e quali sono i risultati di questo laboratorio che tutto il mondo ci invidia.

PoT

Giorgio ci ha spiegato che oggi l’applicazione della robotica nel quotidiano è diventata una realtà consolidata, traguardo che sarebbe stato totalmente impensabile trent’anni fa.

Il principale scopo per cui sono nati i robot è quello di aiutare le persone anziane nello svolgere compiti facilitando la vita di tutti i giorni.

Giorgio è convinto che le potenzialità siano tantissime e che un futuro in cui le persone saranno affiancate da robot non è così lontano.

Per chi non lo conoscesse ancora, iCub è un robot androide costruito dall’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova.
Alto 104 cm e pesante 22 kg, la sua estetica e le sue funzionalità ricordano quelle di un bambino di circa quattro anni.
Il robot umanoide iCub sta imparando a stare in piedi e a mantenere l’equilibrio anche nell’interazione fisica con le persone.

Grazie alla pelle artificiale che gli permette di avere 4000 punti sensibili su tutto il corpo, iCub è in grado di misurare in ogni istante i contatti e le forze che riceve dall’esterno, rispondendo con movimenti adeguati a mantenere l’equilibrio. Queste nuove capacità saranno utili quando, nel prossimo futuro, iCub coabiterà con l’uomo negli ambienti domestici e dovrà muoversi in maniera sicura per sé e per gli altri. Infatti, non cadrà se sarà urtato e potrà interagire con gli uomini anche solo attraverso il corpo e il tatto.

 

Durante il Pint of Talent Giorgio ci ha spiegato che iCub è pronto a crescere e a cambiare aspetto: avrà lo stesso volto della versione vecchia, ma sarà più robusto e più alto, sarà alimentato a batteria e perciò potrà muoversi liberamente nei laboratori, ma soprattutto non sarà più solo perchè potrà collegarsi con il cloud attraverso la rete wireless, e avrà funzioni simili a quelle di uno smartphone per assistere chi ne ha bisogno 24 ore su 24.

Grazie a TalenTour questa meraviglia tecnologica potrà essere vista in IIT a fine dicembre.

Infatti venerdi 18 dicembre sarà organizzato uno special tour presso i laboratori iCub Facility e RBCS di IIT.

Presto la pagina di registrazione sarà disponibile sul nostro sito.

Al Pint of Talent con Giorgio ha partecipato anche Matteo Luzzi, studente di ingegneria meccanica a Genova e portavoce di tutti i suoi colleghi di corso.

IMG-20151117-WA0007

 

La sua presenza  e le sue indicazioni sono servite ad organizzare al meglio la visita, facendone un evento essenziale per la formazione di studenti universitari.

TalenTour vi aspetta alla visita in IIT a dicembre.

 

Giancarlo Gaimari

 

SHANGHAI TO GENOA AND BACK

Versione Italiana

Last week a delegation from the Shanghai Municipal Commission of Commerce visited Genoa in order to meet Manuela Arata, President of the Science Festival Association and Silver Magnolia of the Shanghai Municipality.

Logo

There is a strong relationship between Shanghai and Genoa, created by Manuela herself in the last four years.
Shanghai Municipality knows very well Italian innovation and tech-excellence, such as that of Istituto Italiano di Tecnologia (ICub robot is very popular in China !).

During the day TalenTour arranged a special visit in Telerobot Labs, an center of excellence working in robotics field.

David Corsini and Fabrizio Tubertini (respectively Founder and Business Strategy Consultant at Telerobot Labs) welcomed the delegation from Shanghai and showed them the main hi-tech devices for rehabilitation available in their labs.

ARAMIS (Automatic Recovery Arm Mobility Integrated System) is a robo-mechatronic system consisting of two exoskeletons, with six active degrees of freedom, designed for the rehabilitation and functional recovery of the upper limbs of patients with severe brain injuries.

The ARAMIS system works by exploiting the mechanism of mirror neurons and has been developed in the research laboratories of the Institute S. Anna in Crotone.

FEX (FingersExtending eXoskeleton)  is an exoskeleton glove developed by Telerobot Labs for hand rehabilitation in stroke patients.
David’s team is working hard to enhance it in order to make its aid adaptive to the patients’s muscular and nervous response.

Surgenius  is a surgical robot which occupies two main areas: the surgical bed, around which the robotic arms are placed, and the command console, positioned on one side, from which the surgeon operates the robot. Assistants can easily stand around the bed and the surgeon can monitor the surgical room from his/her working position.

After the lab tour Giancarlo Gaimari (co-founder of TalenTour) and Manuela Pignatelli (responsible for corporate relations in AIESEC Genova) presented their own associations and activities.
TalenTour presentation was mainly focused on their mission to identify and to promote Italian innovative companies and startups.
Today this promotion activity is done mainly in our country, but tomorrow it could be done also abroad.

At the end of the day Ms Jiang Jing (Deputy Director, Department for Convention & Exhibition Development) and the rest of the Shanghai delegation thanked the Italian hosts for the magic experience.

We really hope to have made them understand how competent and creative the Italians companies are.

Giancarlo Gaimari

 

 

BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling
BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling

INNOVARE CON ARTE

English version

Ultimamente si parla molto di nuova élite digitale e di come l’innovazione sta cambiando l’arte e l’accesso alle opere.
Le case d’aste si rinnovano e spingono su modalità di vendite nuove; l’innovazione influenza in modo sempre maggiore il lavoro degli artisti, soprattutto di quelli all’avanguardia dell’arte contemporanea; startup creative progettano applicazioni per smartphone e tablet, con l’obiettivo di avvicinare i bambini e i ragazzi al mondo dell’arte e ai musei; molte aziende continuano ad investire in progetti complessi su temi legati all’arte nel settore dell’edutainment; nuove piattaforme online di crowdsourcing sono dedicate a favorire l’incontro tra artisti e clienti.

TalenTour, che è molto attenta ai trend dell’innovazione, ha deciso quindi di esplorare questo nuovo mondo incontrando Tiziana Leopizzi,  architetto e giornalista, esperta di comunicazione e di organizzazione di eventi di arte contemporanea in Italia e all’estero, nonchè editore di pubblicazioni d’arte.

DSC06849

Tiziana è anche direttore e consigliere di Ellequadro Documenti – Archivio Internazionale di Arte Contemporanea con sede a Genova.
Questa realtà è stata aperta nel 1978 da Ramondo Leopizzi come spazio dedicato all’arte e al design, affiancata nel 1979 dalla “Galleria dei Grandi Maestri” fondata da Maria Fulvia Leopizzi, si trasforma nel 1993 in Ellequadro Documenti per sottolineare l’importanza dell’Archivio in progress nato nel frattempo.
Questo a tutt’oggi raccoglie informazioni riferite a più di 155.000 artisti dal 1 gennaio del ’900 a oggi: un patrimonio di sapere in via d’istituzionalizzazione.

Ellequadro raddoppia nel 2004, con Tiziana Leopizzi – architetto e reporter d’arte, per La Repubblica, che si prefigge di contribuire a diffondere anche all’estero, il potenziale della creatività che esiste in Italia, appannaggio non solo del mondo dell’arte ma anche del mondo dell’Imprenditoria illuminata.

Tiziana è la creatrice e l’organizzatrice di tutti i progetti a firma Ellequadro: ARTOUR-O IL MUST nelle sue diverse declinazioni, MISA, Fermo immagine, le mostre in genere – tutte iniziative concepite in un’ottica di glocalizzazione e che fanno della comunicazione il proprio ‘MUST’.

Il MISA è un network di imprese virtuose in Italia.

ARTOUR-O il MUST è un master che ha compiuto più di 10 anni e che ha toccato Firenze ogni anno, e Bologna, Roma, Shanghai, Yiwu, Londra, Montecarlo e Merida.
E quest’anno avrà luogo a Praga dal 21 al 24 ottobre.

Ellequadro News
Ellequadro News – Click to open

Nelle prossime settimane TalenTour e Ellequadro Documenti cominceranno a collaborare insieme e comunicheranno le loro iniziative su questo sito.
Rimanete collegati !!!

Giancarlo Gaimari

 

INNOVATE WITH ART

Versione italiana

Lately there is much talk of new digital elite and how innovation is changing the art and access to works of art.

The auction houses are renewed and push on how to promote new sales; innovation influences more and more the work of the artists, especially of those at the forefront of contemporary art; creative startups design applications for smartphones and tablets, with the aim of introducing children and young people to the world of art and to museums; many companies continue to invest in complex projects on issues related to art in the field of edutainment; new crowdsourcing online platforms are dedicated to encouraging meetings betweenartists and customers.

TalenTour, which is very attentive to the innovation trends, has therefore decided to explore this new world meeting Tiziana Leopizzi, architect and journalist, expert in communication and organization of events of contemporary art in Italy and abroad, as well as publisher of art.

DSC06849

Tiziana is also the director and the advisor of Ellequadro Documents – Archives International Contemporary Art based in Genoa.
This reality was opened by Ramondo Leopizzi in 1978, as space dedicated to art and to design; in 1979 it was joined by the “Gallery of the Great Masters” founded by Maria Fulvia Leopizzi; in 1993 it was transformed into Ellequadro documents to highlight the importance of the in progress Archive born in the meantime.
This still collects information related to more than 155,000 artists from January 1 of the ‘900 to today: a wealth of knowledge in process ofinstitutionalization.

In 2004 Ellequadro has doubled with Tiziana Leopizzi – architect and art reporter for La Repubblica, who aims to help spread abroad, the potential of creativity existing in Italy, prerogative of the art world and the world of illuminated entrepreneurship.


Tiziana is the creator and the organizer of all projects signed by Ellequadro: ARTOUR-O an MUST in its various manifestations, MISA,Fermo Immagine, exhibitions in general – all initiatives designed with a special focus on glocalization and on communication as a ‘MUST’.

MISA is a network of talented companies in Italy.

ARTOUR – O the MUST is a master created more than 10 years ago and based in Florence every, and then in Bologna, Rome, Shanghai,Yiwu, London, Monte Carlo and Merida.
This year it will take place in Prague on October 21 to 24.

Ellequadro News
Ellequadro News – Click to open

In the coming weeks TalenTour and Ellequadro Documents will begin to work together and will communicate their initiatives on this website.
Stay tuned !!!

Giancarlo Gaimari

 

 

I LABORATORI DEL GRAFENE A GENOVA

Link to English version

Alla “corsa all’oro” delle applicazioni del grafene l’Italia partecipa in modo rilevante: lo scorso giugno sono state infatti inaugurate, presso il parco scientifico ComoNext di Lomazzo (Como), le “Officine del Grafene”, il più grande stabilimento europeo per la generazione di fogli di grafene altamente puro.
Il primo modulo dello stabilimento ha una capacità produttiva di 30 tonnellate l’anno, ed è stato realizzato in modo da consumare una quantità limitata di energia e di non generare alcun tipo di emissione o scarto.

Continue reading I LABORATORI DEL GRAFENE A GENOVA

GRAPHENE LABS IN GENOA

Link alla Versione Italiana

Italy participates significantly in the “gold rush” of applications of graphene: last June the “Workshops of graphene” were in fact opened at the Science Park ComoNext in Lomazzo (Como).

They are the largest European plant for the generation of highly pure graphene sheets.
The first module of the plant has a production capacity of 30 tons per year. It has been realized in order to consume a limited amount of energy and do not generate any type of emission or gap.

Continue reading GRAPHENE LABS IN GENOA

Dietro le quinte dell’Acquario di Genova

English version

L’Acquario di Genova è sicuramente una eccellenza ligure e italiana.
È una struttura che riveste un ruolo centrale per la città e il mondo scientifico e costituisce un’opportunità straordinaria nel settore dei servizi e del tempo libero.
È l’acquario più grande d’Europa e il nono nel mondo.
Con oltre un milione e duecentomila visitatori annui e oltre 25 milioni dall’apertura, l’Acquario di Genova si colloca tra le principali attrazioni culturali italiane.

Continue reading Dietro le quinte dell’Acquario di Genova

Behind the scenes of the Acquarium of Genova

Versione Italiana

The Aquarium of Genoa is definitely a Ligurian and Italian excellence.
It is a structure that is central to the city and to the world of science and is an extraordinary opportunity in services and leisure.
It is the largest aquarium in Europe and the ninth in the world.
The Aquarium of Genoa is one of the main cultural Italian attractions, with over one million and two hundred thousand visitors per yearand over 25 million since the opening.

Continue reading Behind the scenes of the Acquarium of Genova