Category Archives: Reports

Relazione di una visita

Una relazione particolare da Hong Kong, ACP 2015

English version

Pierpaolo Ghiggino è di ritorno da Hong Kong, dove ha partecipato alla Conferenza ACP 2015 come membro del Comitato Organizzatore.

La sua relazione è un pezzo non convenzionale, dove le informazioni sugli aspetti tecnici della conferenza si fondono con le sensazioni di un ricercatore appassionato che visita il luogo dove “innovazione e crescita economica si fondano insieme in modo naturale”.

Ghiggino

Durante la mia permanenza alla Conferenza e la mia visita al Politecnico di Hong Kong, ho di nuovo toccato con mano quanto importante sia che persone esperte e di successo, lavorino insieme a nuovi e giovani talenti al fine di far crescere il nostro piu’ grande bene comune: la conoscenza. Il forte desiderio di trasformare la scoperta in qualche cosa di tangibile e’ cio’ che conduce in ultimo ad un piu’ forte sistema di industrie tecnologiche, di servizi, commerciali o finanziarie.

Cover itLeggi l’articolo completo (versione italiana)


Cover picture credits: Hong Kong Skyline Restitch – Dec 2007” by DiliffOwn work. Licensed under CC BY 3.0 via Commons.

A particular report from Hong Kong, ACP2015

Versione Italiana

Pierpaolo Ghiggino is back from Hong Kong, where he attended the ACP Conference 2015 as a member of the Organizing Committee.

His report  is a non conventional piece, where the information about the technical conference blends with the feelings of a passionate researcher visiting the place where “innovation and economic growth make natural sense”.

Ghiggino

Staying at the ACP conference and during my visit at the Polytechnic University of Hong Kong, I was once more reminded of how important is to see established exceptional people, working together with new young talents in order to enhance our best common asset: knowledge. The strong desire to transform research into to something more tangible, ultimately leads to innovation and a stronger system of technological, service-based, commercial and financial industries.

Cover enLoad the full article (English version)


Cover picture credits: Hong Kong Skyline Restitch – Dec 2007” by DiliffOwn work. Licensed under CC BY 3.0 via Commons.


Smart Cup Liguria: La difficile scelta tra i talenti Liguri

 

Un importante evento di innovazione in Liguria, raccontato da un inviato molto speciale: uno dei giurati  che hanno avuto il difficile compito di decidere quali idee premiare!


Foto CV Bella_1Matteo Aragone: è coordinatore scientifico di Genova 2021 e Presidente di Alumni Isict. Dopo aver conseguito una doppia laurea tra Università di Genova e Télécom ParisTech e aver trascorso 5 anni a Sophia Antipolis presso Amadeus, dove ha coordinato progetti internazionali e depositato diverse domande di brevetto, è tornato a Genova convinto di poter dare il suo piccolo contributo per portare innovazione sul nostro territorio.

La SmartCup Liguria si è conclusa il 26 novembre, i verdetti sono scritti: nella categoria principale vince Smart Micro Optics, spinoff di Iit che promette di vendere lenti da applicare sui smartphone per simulare un microscopio, le startup selezionate per accedere al Premio Nazionale dell’Innovazione sono Holaboat, Audio Social Tech e Fluid Smart Grid.
Ho avuto modo di seguire da vicino i lavori della SmartCup Liguria nel ruolo di giurato e, può sembrare una frase fatta, scegliere i vincitori non è stato un compito facile. Eccezion fatta per qualche proposta ancora acerba (ma il compito di una SmartCup è anche far nascere idee anche a chi non avrebbe mai pensato di diventare imprenditore), il livello è stato alto, sia per l’innovatività delle idee sia per la concretezza dei contenuti. Il merito di questo risultato va sicuramente ascritto agli organizzatori della SmartCup (Valeria Rainisio, Silvia Pedemonte e Roberto Merlo di Filse) e più, in generale, a un territorio che ha saputo organizzare numerose iniziative a favore dell’imprenditorialità: Unige, Iit, Camera di Commercio, Confindustria Genova e Genova 2021 sono solo alcune delle realtà che hanno contribuito al crescere del “movimento startup” in Liguria. Molto resta da fare, Fondazione Ricerca Imprenditorialità è un nuovo attore che contribuirà ad un ulteriore balzo in avanti, ma la strada è quella giusta.

L’evento è stato presentato da Manuela Arata, presidente del Festival della Scienza, che con la sua passione dimostra che la ricerca scientifica non deve essere confinata ai laboratori, ma diffusa tramite eventi di divulgazione e il trasferimento tecnologico. Anche l’assessore Edoardo Rixi trova parole positive, afferma che i risultati di SmartCup testimoniano la vitalità del territorio e sostiene che la giunta vuole sostenere le startup tramite incentivi attraverso il disegno di legge per la Crescita (Growth Act).

Ma torniamo ai premi: chi sono e soprattutto cosa fanno le startup?

  • Categorie principali:
    • Vincitore assoluto e categoria industrial: Smart Micro Optics  Spinoff di Iit che progetta di vendere lenti da applicare sugli smartphone per simulare un microscopio.
      smartmicroptics (2)
    • Ict social innovation: Holaboat. Sull’onda della sharing economy, è una piattaforma che permette di condividere barche, una sorta di AirBnb per escursioni marine.logo-holaboat
    • Life science: AudioSocialTech Spinoff di Iit, nato da un progetto europeo per aiutare bambini non vedenti a interagire con il mondo tramite un braccialetto intelligente.audiosocialtech
    • Cleantech: Fluid Smart Grid Metering. Spinoff di Unige specializzato nel perfezionamento delle smart grid.smartfluid
  • Menzioni speciali
    • Pari Opportunità: Holaboat
    • Social: Audio Social Tech
    • Miglior Presentazione: Talos. È uno spinoff di Unige specializzato nella security nel mondo app, ha vinto l’edizione precedente della StartCup di Unige..
  • CCIAA
    • È uno spinoff di Iit che progetta nuovi soluzione innovative nel settore robotica per chirurgia di precisione
  • SmartCup di Unige
    • FluidSmartGrid
    • Wellnx:società biomedica per il telecontrollo di persone anziane
    • BGP: Spinoff di Unige specializzata nella consulenza nel settore edile
  • Talent Garden
    • Talos
    • FlairBit  Spinoff di Unige specializzata nel middleware
    • Spesando (Unige) app per aiutare a fare la spesa scegliendo il supermercato migliore nelle vicinanze.

Tra i numerosi vincitori, mi fa piacere vedere l’ottimo risultato di Talos, spinoff nato da un dottorando iscritto ad Alumni Isict, l’associazione di cui sono presidente e relativa ai laureati che si sono distinti nella loro carriera accademica e hanno terminato il prestigioso percorso di Isict. Tra i nostri soci, non posso non citare Saverio Murgia e Luca Nardelli soci fondatori di Horus che, nello stesso giorno della Smart Cup Liguria, hanno sfiorato l’impresa concludendo tra i finalisti del Premio Marzotto, il più importante a livello italiano per le startup.

Sperando di avervi interessato, vi invito a continuare a seguire Talentour: nelle prossime “puntate” vedremo le interviste ai vincitori di Alberto Balbi e Federica Laureri di Global Shapers, l’associazione per giovani under 30 che puntano a migliorare il nostro territorio seguendo le indicazioni del World Economic Forum.

Matteo Aragone

Learning Lean Tools

Lean principles and Agile methodologies applied to software development are not just fluffy and  fashion: they are a set of operational and organizational tools for the  software industry. As every tool you can make good or bad use of it, for sure it is worth learning something on it to avoid myths and make informed decisions.

In the last month we have been involved in two events about Agile software development:

  • CTI Liguria (Club delle Tecnologie dell’Informazione) held a workshop on Agile contracts in Genova, on November the 17th. I had the pleasure of being involved as a speker, among others experienced professionals who have practical experience in the software development industry.
  • Felice De Robertis, who already told us his story in Agile coaching in TomTom in Berlin,  have been invited speaker at the IAD (Italian Agile Days) in Brescia, on  November the 6th and 7th, to tell his experience on highly scaled Agile implementations.

Agile events

Continue reading Learning Lean Tools

DA SHANGHAI A GENOVA E RITORNO

English Version

La scorsa settimana una delegazione della Municipal Commission of Commerce di Shanghai ha visitato Genova per incontrare Manuela Arata, Presidente dell’Associazione del Festival della Scienza premiata con il riconoscimento Silver Magnolia dalla Municipalità di Shanghai.

Logo

Esiste una forte relazione tra le città di Shanghai e di Genova, creata dalla stessa Manuela negli ultimi quattro anni.
La Municipalità di Shanghai conosce molto bene l’innovazione e l’eccellenza high tech italiana, come quella espressa dall’Istituto Italiano di Tecnologia, il cui robot ICub è molto popolare in Cina.

David Corsini e Fabrizio Tubertini (rispettivamente Founder e Business Strategy Consultant di Telerobot Labs) hanno accolto la delegazione di Shanghai e hanno mostrato i principali sistemi progettati dalla loro azienda per il settore della riabilitazione..

ARAMIS (Automatic Recovery Arm Mobility Integrated System), è un sistema robo-maccatronico che consiste in due esoscheletri, con sei gradi di libertà attivi, concepito per la riabilitazione motoria ed il recupero funzionale degli arti superiori di pazienti con esiti di gravi cerebrolesioni.

Il sistema ARAMIS funziona sfruttando il meccanismo dei neuroni specchio ed è stato sviluppato presso i laboratori di ricerca dell’Istituto S.Anna di Crotone.

FEX (FingersExtending eXoskeleton), è un guanto esoscheletrico sviluppato da Telerobots Labs per la riabilitazione della mano in pazienti colpiti da ictus.
Il team di David sta lavorando per rendere il suo ausilio adattativo alla riposta muscolare e nervosa del paziente.

Surgenius, è un robot utilizzato in chirurgia che consiste in due parti: il letto chirurgico, intorno al quale sono posizionati I bracci robotizzati, e la console di commando, posizionata accanto, dalla quale il chirurgo controlla il robot. Gli assistenti possono facilmente stare intorno al letto e il chirurgo può controllare la sala operatoria dalla sua posizione di lavoro.

Dopo la visita dei laboratori, Giancarlo Gaimari (co-founder di TalenTour) e Manuela Pignatelli (responsabile Corporate Relations in AIESEC Genova) hanno presentato alla delegazione le proprie associazioni e le relative attività.

La presentazione di TalenTour è stata focalizzata soprattutto sulla missione dell’associazione che consiste nell’identificare e nel promuovere aziende e startup innovative italiane.

Oggi questa attività di promozione è fatta principalmente sul nostro territorio e nel nostro paese, ma domani potrebbe essere fatta anche all’estero.

Alla fine della giornata Ms Jiang Jing (Deputy Director, Department for Convention & Exhibition Development) e il resto della delegazione di Shanghai hanno ringraziato gli ospiti italiani per l’esperienza magica avuta.

Speriamo veramente di aver fatto capire loro quanto le aziende italiane siano talentuose e creative.

Giancarlo Gaimari

BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling
BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling

MEZZO SECOLO DI IDEE E SUGGESTIONI IN TUTTO IL MONDO

Sabato 14 novembre TalenTour ha visitato Villa Nave a Vesima, sede della Fondazione Renzo Piano e centro di una progettualità che da Genova ha raggiunto ogni angolo del mondo.

Fondazione Renzo Piano

Un gruppo di architetti, designer e creativi è stato accolto dalle dottoresse dallo staff della Fondazione, e quindi introdotto nell’Archivio Vivo, una specie di scrigno delle ultime idee e intuizioni firmate dallo staff del famoso architetto genovese.

RPBW and TalenTour

Ha introdotto la visita Giovanna Giusto che ci ha accolti nell’enorme ambiente dell’Archivio. dove abbiamo conosciuto progetti in lavorazione nei cinque continenti, inclusi i piani di opere molto vicine a noi, come la nuova torre piloti e la proposta di waterfront tra porto antico e Fiera di Genova.

Giovanna è stata così gentile da registrare per noi un breve video dove riassume le motivazioni che hanno ispirato Renzo Piano ad allestire la Fondazione:

La visita è continuata negli archivi della Fondazione tra disegni, modelli e immagini.

Un vero e proprio viaggio lungo quasi mezzo secolo, che parte dai progetti sperimentali degli anni Sessanta, passa attraverso gli anni Settanta con il Centre Georges Pompidou a Parigi, prosegue negli anni Ottanta e Novanta con il Museo Menil in Texas, l’aereoporto di Kansai in Giappone e il Centro Tjibaou inNuova Caledonia, per arrivare ai lavori più recenti come lo Shard a Londra.

Durante il tour è stato presentato anche il progetto “Blueprint”, appena donato da Renzo Piano alle istituzioni locali.

Tale progetto, definito un “rammendo” dall’architetto genovese, vuole ridisegnare il waterfront di levante, dalla calata Gadda fino alla Fiera e (scavalcando il Bisagno) fino a Punta Vagno, puntando a completare un lavoro che per le Colombiane del ’92 si era fermato ai Magazzini del Cotone e separare le riparazioni navali dalla nautica.

Grazie ancora quindi allo staff della fondazione, Chiara Bennati, Nicoletta Durante, Giovanna Giusto e Giovanna Langasco, per la grande disponibilità e pazienza nel raccogliere, gestire e mettere a disposizione del pubblico una così grande ricchezza.

Giancarlo Gaimari e Marcello Morchio

SHANGHAI TO GENOA AND BACK

Versione Italiana

Last week a delegation from the Shanghai Municipal Commission of Commerce visited Genoa in order to meet Manuela Arata, President of the Science Festival Association and Silver Magnolia of the Shanghai Municipality.

Logo

There is a strong relationship between Shanghai and Genoa, created by Manuela herself in the last four years.
Shanghai Municipality knows very well Italian innovation and tech-excellence, such as that of Istituto Italiano di Tecnologia (ICub robot is very popular in China !).

During the day TalenTour arranged a special visit in Telerobot Labs, an center of excellence working in robotics field.

David Corsini and Fabrizio Tubertini (respectively Founder and Business Strategy Consultant at Telerobot Labs) welcomed the delegation from Shanghai and showed them the main hi-tech devices for rehabilitation available in their labs.

ARAMIS (Automatic Recovery Arm Mobility Integrated System) is a robo-mechatronic system consisting of two exoskeletons, with six active degrees of freedom, designed for the rehabilitation and functional recovery of the upper limbs of patients with severe brain injuries.

The ARAMIS system works by exploiting the mechanism of mirror neurons and has been developed in the research laboratories of the Institute S. Anna in Crotone.

FEX (FingersExtending eXoskeleton)  is an exoskeleton glove developed by Telerobot Labs for hand rehabilitation in stroke patients.
David’s team is working hard to enhance it in order to make its aid adaptive to the patients’s muscular and nervous response.

Surgenius  is a surgical robot which occupies two main areas: the surgical bed, around which the robotic arms are placed, and the command console, positioned on one side, from which the surgeon operates the robot. Assistants can easily stand around the bed and the surgeon can monitor the surgical room from his/her working position.

After the lab tour Giancarlo Gaimari (co-founder of TalenTour) and Manuela Pignatelli (responsible for corporate relations in AIESEC Genova) presented their own associations and activities.
TalenTour presentation was mainly focused on their mission to identify and to promote Italian innovative companies and startups.
Today this promotion activity is done mainly in our country, but tomorrow it could be done also abroad.

At the end of the day Ms Jiang Jing (Deputy Director, Department for Convention & Exhibition Development) and the rest of the Shanghai delegation thanked the Italian hosts for the magic experience.

We really hope to have made them understand how competent and creative the Italians companies are.

Giancarlo Gaimari

 

 

BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling
BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling

TELECOM ITALIA – JOINT OPEN LAB in TURIN

Versione Italiana

In October TalenTour organized a workshop at the Joint Open Lab (JOL) housed inside the Polytechnic in Turin.
The Joint Open Labs (JOL’s) are laboratories of research and innovation created within five Italian university centers: University of Trento, Scuola Superiore Sant’Anna of Pisa, Polytechnic in Milan, Polytechnic in Turin, University of Catania.

The JOL’s are true interdisciplinary joint laboratories capable of generating ideas, solutions and new value on shared objectives of research and innovation in specific areas of scientific and technological interest.
The initiative created by Telecom Italian are fully based on the concepts of Open Innovation and Co-Development.

The initiative created by Telecom Italian are fully based on the concepts of Open Innovation and Co-Development.

http://www.telecomitalia.com/tit/en/innovazione/i-luoghi-della-ricerca/joint-open-labs.html

The four JOL’s in Turin are:

  • MobiLAB (Mobile Social Applications Lab),
  • CRAB (Cloud Robotics),
  • SWARM (Beyond the Internet of Things),
  • VISIBLE (Computer Vision).

TalenTour met Mobilab, the JOL focused on mobile services aimed at the social world (social media, social reading, etc.), in order to identify potential technology partners of Telecom Italy.

LOGO MOBILAB

The workshop was attended by:

FOTO DI GRUPPO

During the introduction of the meeting Marco Marengo explained that the focus of his laboratory includes both the design and the prototyping of mobile services, i.e. the whole process of implementation of these services, from user interface design to the publication of such services on the web or on the application store.
The main topics are: social media, social reading and content curation, e-Government / Social Democracy, mobile social networks, mobile applications ergonomics, joint teaching.

FOTO DELLA PRESENTAZIONE

Then Telecom Italia presented the project named ARTES, a platform designed to support the development of applications in Augmented Reality (AR) on mobile devices, smart phone or tablet, both in Android and in iOs environment:

Augmented Reality Vademecum 2015 v2

The AR applications which can be developed thanks to the platform ARTES are manifold.
Some of them, implemented by JOL Mobilab, were presented during the workshop: Publishing + App, Open Air Lab, Pine Cone, Tino, Expo +, Royal Villa of Monza.

The discussion among the participants was very interesting and addressed both technical and market aspects.
All the participants agreed with the fact that AR application development is continuously changing and that the big players in the world can strongly affect development policies.

It then emerged that Telecom Italy is very interested in identifying content providers and technology partners in this area to start positive collaboration with.

JOL Mobilab could be a place where ideas, research and development of prototypes outline the future.

At the end of the workshop Roberto Gerli (architect expert in virtual reality, with significant expertise in Japan and the United States) said:

“It’s not news that Telecom Italy, sponsor of Genova2021, wants to invest in Genoa and in Liguria.
The invitation is extended to all enterprises and municipalities that intend to invest in the city and to work together to define and build an infrastructure useful to add value to the huge sociocultural heritage that Genoa and Italy have.
This is a great opportunity. Augmented Reality (such as Virtual Reality) will be the next big revolution after the invention of the smart phone.
Thanks to Telecom Italy, ETT, TalenTour and Genoa in 2021 to believe in this.”

TalenTour will follow-up the activity and will organize new events at the JOL of Turin in the coming months.

Giancarlo Gaimari

Festival della Scienza – La Robotica per la Vita

English Version

Venerdì 30 Ottobre si è svolta l’ultima visita organizzata da TalenTour nell’ambito del programma del Festival della Scienza:
Festival della Scienza

davidSiamo stati accolti da David Corsini, fondatore di Telerobot Labs, che anche questa volta è riuscito, con la sua grande passione per il suo lavoro, a tenere viva l’attenzione dei 18 partecipanti al tour per 90 minuti filati.

L’argomento principale di questa visita è stata la robotica applicata al campo biomedicale per scopi diagnostici, chirurgici e riabilitativi.

Innanzi tutto David ha spiegato che il robot non deve essere visto solo come l’umanoide dell’immaginario collettivo, ma bensì come una macchina a supporto delle attività umane per garantire maggior precisione e per ridurre il rischio di errori. Ha poi illustrato le problematiche e le sfide che vengono affrontate con un’occhio verso il futuro, chiarendo l’importanza di una stretta cooperazione tra chi fa industria e chi fa ricerca. Non deve esserci competizione, ma collaborazione

tlrbtlbs2Abbiamo avuto la possibilità di vedere in azione un robot che è in grado di ripetere con la massima precisione i movimenti del braccio sano e, sfruttando il meccanismo dei neuroni specchio (qui un’intervista al prof. Giacomo Rizzolatti scopritore dei neuroni specchio), è utilizzato per la riabilitazione.

David ci ha poi mostrato con (giusto) orgoglio FEX (Fingers Extending eXoskeleton), fexun guanto esoscheletrico sviluppato da Telerobots Labs per la riabilitazione della mano in pazienti colpiti da ictus, e al quale ora stanno lavorando per rendere il suo ausilio adattativo alla riposta muscolare e nervosa del paziente.

Si è poi parlato del metodo che usa Telerobot Lab per arrivare a proporre e realizzare soluzioni, ogni cliente ha un suo problema e richiede la sua soluzione personalizzata.

Insomma 90 minuti, animati anche dalle diverse domande interessantissime da parte di un pubblico appassionato e curioso, che si sono conclusi con un brindisi ed una fetta di focaccia!!Grazie David!!

Luca Magnanelli

 

TELECOM ITALIA – JOINT OPEN LAB A TORINO

English Version

A ottobre TalenTour ha organizzato un workshop presso i Joint Open Lab (JOL) ospitati all’interno del Politecnico di Torino.

I Joint Open Lab (JOL) sono laboratori di ricerca e innovazione creati all’interno di cinque poli universitari italiani: Università di Trento, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università di Catania.

I JOL sono veri e propri laboratori congiunti interdisciplinari in grado di generare idee, soluzioni e nuovo valore su obiettivi di ricerca e innovazione condivisi in specifici campi d’interesse scientifico e tecnologico.

L’iniziativa di Telecom Italia nasce dai concetti di Open Innovation e Co-sviluppo e consiste nell’aggregazione intorno ad uno stesso nucleo di competenze innovative:
http://www.telecomitalia.com/tit/it/innovazione/i-luoghi-della-ricerca/joint-open-labs.html

I JOL di Torino sono quattro:

  • MobiLAB (Mobile Social Applications Lab),
  • CRAB (Cloud Robotics),
  • SWARM (Beyond the Internet of Things),
  • VISIBLE (Computer Vision).

TalenTour ha incontrato MobiLAB, il JOL focalizzato sui servizi mobili rivolti al mondo social (social media, social reading, etc.), allo scopo di identificare potenziali partner tecnologici di Telecom Italia.

LOGO MOBILAB

Al workshop hanno partecipato:

FOTO DI GRUPPO

Durante l’introduzione dell’incontro Marco Marengo ha precisato che il focus del suo laboratorio include sia il design sia la prototipazione di servizi mobili, ovvero l’intero processo di realizzazione di tali servizi, a partire dalla progettazione delle interfacce utente fino alla pubblicazione di tali servizi sul web o sugli application store.
I principali temi sono: social media, social reading e content curation, e-Government/Social Democracy, mobile social network, ergonomia delle applicazioni mobili, attività didattica congiunta.

FOTO DELLA PRESENTAZIONE

Successivamente Telecom Italia ha presentato il progetto ARTES, piattaforma a supporto dello sviluppo di applicazioni in Realtà Aumentata (AR) su dispositivi mobili, smartphone o tablet, sia in ambiente Android che iOs:

Augmented Reality Vademecum 2015 v2

Le applicazioni in AR che si possono sviluppare grazie alla piattaforma ARTES sono molteplici.
Ne sono state presentate solo alcune tra quelle implementate da JOL MobiLAB: Editoria+ App, Open Air Lab, Pigna, Tino, Expo+, Villa Reale di Monza.

La discussione tra i partecipanti è stata molto interessante e ha sfiorato aspetti tecnici e di mercato.

Si è parlato di come lo sviluppo nel settore di AR sia un mondo in divenire, dove i grandi player a livello mondiale possono condizionare fortemente le politiche di sviluppo.

È quindi emerso che Telecom Italia è molto interessata a identificare content provider e partner tecnologici in questa area con cui avviare una positiva collaborazione

JOL MobiLab potrebbe essere un luogo dove le idee, la ricerca e lo sviluppo di prototipi delineano il futuro.

Riportiamo il commento del nostro advisor, Roberto Gerli (architetto esperto di realtà virtuale, con esperienze significative in Giappone e negli Stati Uniti):
“Non è una novità che Telecom Italia, sponsor di Genova 2021, voglia investire sulla città e sul territorio ligure.
L’invito è esteso a tutte le realtà locali che vogliano investire sulla città e lavorare assieme per definire e costruire una infrastruttura utile a valorizzare l’immenso patrimonio socio-culturale che Genova e tutta l’Italia hanno il dovere di salvaguardare.
Questa è una grande opportunità. La Realtà Aumentata (come la Realtà Virtuale) saranno la prossima grande rivoluzione dopo l’invenzione dello smartphone.
Grazie a Telecom Italia, ETT, TalenTour e Genova 2021 per crederci.”

TalenTour seguirà gli sviluppi del workshop e organizzerà nuovi eventi presso i JOL di Torino nei prossimi mesi.

Giancarlo Gaimari