Category Archives: Special Visits

Visite straordinarie, organizzate su richiesta di TalenTour o comunque eventi unici o rari, senza una programmazione fissa e normalmente non disponibili per il pubblico

Beni culturali: ricchezza umanistica e frontiera per tecnologia e imprese – Visita al CNR – IMATI

Il patrimonio Italiano in termini di beni culturali è senza dubbio sterminato e questo è ormai quasi un luogo comune. Meno noto è il fatto che proprio intorno al campo dei beni culturali si stanno sviluppando tecnologie destinate a rivoluzionarne la conservazione, la fruizione e lo studio. Pochissimo noto al di fuori dell’ambito specialistico  è infine il lavoro svolto  dall’istituto IMATI (Istituto di Matematica Applicata e Tecnologie Informatiche) del CNR, che applicando le sue competenze al patrimonio dei beni culturali sta contribuendo alla rivoluzione digitale in questo campo, spingendo la frontiera della ricerca e creando opportunità per le aziende che coinvolge nei suoi progetti.

imati-pig

Continue reading Beni culturali: ricchezza umanistica e frontiera per tecnologia e imprese – Visita al CNR – IMATI

La matematica dei beni culturali – Visita al CNR – IMATI – 27 Settembre

Un puzzle impossibile

gravitate

Pensate ad un puzzle in tre dimensioni, con migliaia di pezzi, sparsi in diverse parti del mondo. Non sappiamo nemmeno se i pezzi siano tutti anzi, siamo sicuri che ne manchino parecchi. Nonostante questo vogliamo capire tutto quello che possiamo di questo rompicapo, perchè risolverlo è fondamentale per sapere chi noi siamo veramente.

gravitateoverview1-1606070748142
Non si tratta di un thriller, ma di una storia che si svolge proprio vicino a noi. Il progetto GRAVITATE coinvolge università, musei ed istituti di ricerca in matematica e  tecnologia in Europa ed Israele ed è solo una delle applicazioni della matematica e dell’informatica che si stanno sviluppando presso l’Istituto IMATI del CNR. Continue reading La matematica dei beni culturali – Visita al CNR – IMATI – 27 Settembre

A M2M Forum l’Open Innovation incontra l’Internet of Things

Si è da poco conclusa la seconda edizione della  Disruptive Week Milan 2016, la settimana dedicata all’innovazione digitale che ha luogo in varie parti di Milano.

Header_small-300x48

La Disruptive Week consiste in una serie di eventi nazionali e internazionali dedicati allo sviluppo di tecnologie emergenti e cosiddette disruptive, con particolare focus su M2M, Internet of Things (IoT), Robotics, Smart Energy, Wearable, Machine Learning, Smart Home, Health e Industry 4.0.

La manifestazione è disruptive anche nella sua struttura, perché si discosta dallo schema della fiera tradizionale e propone eventi con format innovativi e diversi tra loro a seconda del target al quale sono indirizzati: conferenze, aree espositive, talk show, visite d’impresa, matchmaking, hackathon.

IoT_Logo-1030x221

m2m_2016_con_data

Esempi ormai conosciuti di tali eventi sono:

  • M2M Forum, appuntamento “cuore” della DW giunto alla sua quindicesima edizione e che l’anno scorso ha visto oltre 1200 partecipanti da 21 paesi diversi, 86 aziende sponsor, espositori e partner, 254 incontri bilaterali di business matching;
  • IoT Now, conferenza internazionale riservata che unisce e presenta l’ecosistema che parte dagli “storici” player M2M del mondo dell’elettronica e dell’automazione industriale, con i nuovi operatori del Web 2.0, del Crowdesign e i Maker, passando per il mondo IT, Telco e Venture Capital.

Vista però l’importanza sempre crescente dell’Internet delle Cose, quest’anno la DW ha previsto un evento nuovo, chiamato IoT Valley Tour e finalizzato a incontrare aziende e startup innovative operanti in questo settore allo scopo di valorizzare la nascente “IoT Valley” lombarda.

IOT VALLEY TOUR

Il palinsesto dell’IoT Valley Tour, organizzato da TalenTour e da Innovability, ha previsto quattro tappe:

  • Visita al Wireless Innovation Hub di TIM e presentazione a cura
    di Olivetti sulle applicazioni IoT per Smart Mobility
    (in data 9 maggio presso il Telecom Italia Lab di Torino);
  • Visita al Computer Assisted REhabilitation Lab della Fondazione Don Carlo Gnocchi(in data 9 maggio presso la Fondazione Don Carlo Gnocchi a Milano);
  • Partecipazione al Things2Biz Talk  organizzato da SAP in collaborazione con HP Enterprise e Intel
    (in data 10 maggio presso il Bou-tek di Milano)
  • Presentazione di “Beyond dashboards: the Analytics of Things” nell’ambito del M2M Forum da parte di Camelot Biomedical Systems  (in data 11 maggio presso il Centro Guida Sicura ACI SARA di Lainate – Milano).

L’intero tour ha avuto successo sia per i contenuti offerti al pubblico sia per il numero di partecipanti.

Noi di TalenTour siamo soddisfatti per questa esperienza nell’ambito della DW ma soprattutto siamo fieri per aver portato al M2M Forum una eccellenza ligure come Camelot, PMI innovativa da tempo da noi seguita (TalenTour meets Camelot).

Click to enlarge
Click to enlarge

Curzio Basso (co-founder di Camelot) e Michela Moraldo (ricercatrice presso l’Imperial College London) hanno presentato Otus Technology, il brand di Camelot che fornisce soluzioni di predictive e prescriptive analytics per l’Internet of Things.

This slideshow requires JavaScript.

Quindi hanno descritto e dimostrato tre soluzioni di analytics sviluppate per tre diversi scenari applicativi ed in collaborazione con diversi partner:

  • Previsione dei consumi energetici,
  • Wearables per Healthcare & Wellness,
  • Travel security.

This slideshow requires JavaScript.

Si è trattato quindi di una tappa veramente in linea coi temi e con le tecnologie disruptive della DW: IoT, Smart Energy, Wearable, Security.

Per questo motivo condividiamo con voi parte delle slide presentate al pubblico, invitandovi a contattare Curzio via mail (curzio@camelotbio.com) per ulteriori chiarimenti o domande.

camelot slides

La partecipazione di Camelot all’IoT Valley Tour e poi all’exhibit di M2M Forum, con uno stand proprio, fa parte di un percorso intrapreso da mesi insieme a TalenTour, un percorso di Open Innovation volto promuovere e a supportare la crescita di una realtà così valida nel settore IoT e Data Analytics.

Dopo l’esperienza della DW la partnership tra Camelot e TalenTour è ulteriormente consolidata e pronta a nuove sfide.

Stay tuned!

Giancarlo Gaimari

Terra, Acqua, Fuoco ed Aria: gli elementi dell’IoT sono tutti qui!

IoT Valley Tour

THINSG2BIZ Talk: SAP, HP, Intel

postIMG_3629

L’internet delle cose copre ormai tutti gli elementi dell’industria e delle nostre vite. Il cambiamento è in atto ed è solo questione di (poco) tempo prima che la connessione di ogni cosa e dell’analisi dei Big Data passino dall’essere innovazione dirompente ad essere date per scontate. Con L’IoT Valley Tour abbiamo avuto una dimostrazione altamente coinvolgente  di quale sia lo stato dell’arte.

Terra – Agricoltura di precisione, Acqua – Gestione portuale, Fuoco – Efficienza Energetica  ed Aria – Aria compressa come servizio, sono solo alcuni dei casi reali descritti nella sessione iniziale del tour dopo una introduzione sintetica ma di grande impatto degli obiettivi e della struttura della soluzione SAP/HP.

Continue reading Terra, Acqua, Fuoco ed Aria: gli elementi dell’IoT sono tutti qui!

LenXmart, ABBI e Glassense: tre giovani imprese genovesi che amano la vita

La ricerca volta al miglioramento della vita umana, amplificando i nostri sensi o compensandone l’eventuale deficit. Questo è il filo conduttore che unisce molte giovani aziende che stanno nascendo nell’ambito dell’Istituto Italiano di Tecnologia, che alla ricerca per la vita ed ispirata alla vita affianca il costante impegno per trasformare la ricerca in impresa.

Abbiamo recentemente incontrato tre gruppi di ricerca che stanno compiendo questa evoluzione: si tratta di LenXmart (progetto Smart Micro Optics)ABBI (Audio Social Tech) e  Glassense.

Dedichiamo a queste tre eccellenze nascenti un post di approfondimento, per il particolare interesse delle applicazioni, e perchè contiamo di tornare presto sull’argomento delle tecnologie per la vita e le opportunità che questo settore presenta per nostro territorio.

LenXmart – Il microscopio digitale in tasca

Andrea Antonini

Andrea Antonini si occupa di ricerca su cellule cerebrali, progettando ed usando speciali sonde endoscopiche: si tratta quindi di lenti molto piccole e molto speciali. Il suo spirito imprenditoriale e l’ambiente favorevole alla sperimentazione dell’IIT lo hanno portato a riflettere su una semplificazione della tecnologia sulla quale lavora per renderla accessibile, fino a progettare una lente super economica e di facile uso, applicabile (senza adesivi: contatto puramente elettrostatico) a qualsiasi smartphone per trasformarlo in un microscopio digitale.

La lente LenXmart si alla fotocamera di un qualunque smartphone.
La lente LenXmart si alla fotocamera di un qualunque smartphone.

Sono pronte e disponibili per test pre-mercato le lenti  per ingrandimenti ottici x10 – per foto macro ad alta definizione, e x20 (per foto/indagini microscopiche), a cui vanno poi sommati gli ingrandimenti digitali disponibili sullo smartphone, mentre è ancora in fase di sperimentazione la lente per ingrandimenti ottici di 100 volte.

Le applicazioni sono infinite, a cominciare dall’uso
didattico, o amatoriale. La sua invenzione consente di
esplorare il micro mondo e condividere facilmente con gli
amici le proprie esperienze microscopiche.

Un particolare del fiore di camomilla che ho fotografato con la lente donatami da Andrea
Un particolare del fiore di camomilla che ho fotografato con la lente donatami da Andrea

Ma le applicazioni professionali sono quelle più interessanti. Pensate all’uso in dermatologia, in botanica, agricoltura o biologia.
Pensate alle possibilità derivanti da ottenere immagini utili
per analisi diagnostiche in qualunque luogo ed a bassissimo
costo: con la lente 100x Andrea ha fotografato i suoi globuli rossi su un vetrino.

Globuli rossi fotografati con lo smartphone
Globuli rossi fotografati con lo smartphone

Andrea produce i suoi prototipi direttamente con le attrezzature dell’istituto, ma è pronto ad entrare in produzione di volume, ed il passaggio dall’idea alla produzione è avvenuto a tempo di record, proprio grazie alla possibilità unica di avere a disposizione anche per la fase di industrializzazione la competenza ed i materiali più avanzati nei laboratori dell’IIT, senza doversi impegnare in investimenti altrimenti insostenibili.

Andrea ha recentemente vinto la selezione ligure della SmartCup  2015, avendo quindi la possibilità di presentare la sua innovazione ed idea imprenditoriale alle selezioni nazionali.

Usiamo il video pitch girato da Andrea per l’occasione per sapere qualcosa di più del progetto.

 

ABBI – la riabilitazione visiva comincia nella primissima infanzia

Monica Gori

Studi recenti hanno dimostrato che non è vero che chi non ci vede ha una migliore acutezza di udito. E’ invece vero che con i sensi sani, chi ha una disabilità visiva può esercitarsi a compensare l’handicap con gli altri sensi creando nuove strutture mentali e migliorando le opportunità di integrazione.

Print
Print

Secondo Monica Gori ed il team di ABBI questa operazione di riabilitazione, basata sul senso dell’udito, può cominciare dai primissimi mesi di vita, e lo sta dimostrando con una sperimentazione che sta diventando impresa. Ce lo hanno spiegato durante la visita di TalenTour del 18 Dicembre 2015 al dipartimento RBCS (Robotics, Brain and Cognitive Sciences) di IIT, dove siamo stati accolti al mattino da Caterina Ansuini e Andrea Cavallo, che hanno svolto una dimostrazione per tutto il gruppo dei visitatori, e nel pomeriggio da Sara Finocchietti per un breve approfondimento.

“ABBI” sta per “Audio Bracelet for Blind Interaction”, che nella sintesi dell’inglese riassume il concetto di Braccialetto Audio di supporto all’interazione per persone non vedenti.

Lasciamo le spiegazioni alla stessa Monica Gori, che dirige il team di ABBI, in un video girato in occasione della partecipazione del team, con il nome di Audio Social Tech alla SmartCup Liguria.

Monica ha dato una spiegazione più lunga ma molto suggestiva in occasione dell’evento TEDx Porto Antico, ad Ottobre a Genova.

Glassense: il super udito è una realtà!

Luca Brayda e Luca GiulianiVi siete mai resi conto che sentite meglio una persona quando la guardate direttamente? Non è una illusione. Il cervello umano è in grado di focalizzare l’udito anche grazie alla direzione del nostro sguardo e quindi della nostra attenzione.

Questo effetto si perde nelle persone che necessitano di apparecchio acustico, perché l’apparecchio acustico amplifica ogni suono che riceve, incluso il rumore di fondo, rendendo più difficile focalizzare l’attenzione su una sorgente sonora, per esempio una persona che parla di fronte a noi in un ambiente rumoroso.

Il team di Luca Brayda, che abbiamo incontrato insieme a Luca Giuliani, sta risolvendo questo problema con Glassense, abbinando ad un apparecchio acustico un sistema di filtraggio direzionale montato su un paio di occhiali speciali.

Luca Giuliani con il prototipo di Glassense
Luca Giuliani con il prototipo di Glassense

Sulle stanghette della montatura sono montati quattro microfoni per lato. L’elaborazione degli otto diversi segnali elaborati dal software sviluppato interamente dal team, consente di distinguere il suono proveniente da ogni direzione, riproducendo poi nell’apparecchio acustico la combinazione  desiderata del suono generato di fronte e di quanto ricevuto dalle altre direzioni.

In linea di principio sarebbe possibile annullare quasi completamente il rumore di fondo, anche se per l’uso normale la percezione del rumore ambientale è indispensabile per motivi di sicurezza: mi interessa sentire bene chi mi parla in un marciapiede affollato, ma devo anche sentire l’autobus che mi sta arrivando alle spalle per potermi allontanare dalla strada!

Oltre agli ambiti medicali e riabilitativi su persone con disabilità uditiva, questa tecnologia presenta interessanti opportunità in applicazioni professionali su utenti normodotati. Mi vengono in mente facilmente molte situazioni in cui è importante poter migliorare la percezione sonora da una direzione specifica… per non tirare in ballo il super udito di Superman!

Tutta l’elaborazione avviene in un piccola scheda elettronica, progettata per poter essere miniaturizzata e comunicare direttamente con lo smartphone dell’utente per essere controllata.

topicacousticsp2-972a8851d4c10181638203fb05092e5c585

Il progetto Glassense è realizzato in collaborazione tra molti partners, nell’ambito del consorzio Si4Life. Ancora non costituisce una startup indipendente ma nel consorzio sono presenti aziende specializzate in  occhiali, assistenza e riabilitazione e sviluppo software, con il coordinamento di  Linear srl di Genova, specializzata in apparecchi acustici.

Abbiamo avuto una interessantissima e divertentissima presentazione di gruppo durante il TalenTour in IIT della mattina del 18 Dicembre, con un gruppo di stutenti di ingegneria che hanno apprezzato il funzionamento del progetto e le caratteristiche “trendy” del prototipo. Nel pomeriggio Luca e Luca hanno avuto la pazienza di incontrarci nuovamente per un utile approfondimento.

Ecco qualche link di approfondimento:

Nel sito iit

Nel sito del consorzio Si4Life

Ed un video prodotto dall’IIT in cui Luca e Luca presentano direttamente il loro progetto.

 

DA SHANGHAI A GENOVA E RITORNO

English Version

La scorsa settimana una delegazione della Municipal Commission of Commerce di Shanghai ha visitato Genova per incontrare Manuela Arata, Presidente dell’Associazione del Festival della Scienza premiata con il riconoscimento Silver Magnolia dalla Municipalità di Shanghai.

Logo

Esiste una forte relazione tra le città di Shanghai e di Genova, creata dalla stessa Manuela negli ultimi quattro anni.
La Municipalità di Shanghai conosce molto bene l’innovazione e l’eccellenza high tech italiana, come quella espressa dall’Istituto Italiano di Tecnologia, il cui robot ICub è molto popolare in Cina.

David Corsini e Fabrizio Tubertini (rispettivamente Founder e Business Strategy Consultant di Telerobot Labs) hanno accolto la delegazione di Shanghai e hanno mostrato i principali sistemi progettati dalla loro azienda per il settore della riabilitazione..

ARAMIS (Automatic Recovery Arm Mobility Integrated System), è un sistema robo-maccatronico che consiste in due esoscheletri, con sei gradi di libertà attivi, concepito per la riabilitazione motoria ed il recupero funzionale degli arti superiori di pazienti con esiti di gravi cerebrolesioni.

Il sistema ARAMIS funziona sfruttando il meccanismo dei neuroni specchio ed è stato sviluppato presso i laboratori di ricerca dell’Istituto S.Anna di Crotone.

FEX (FingersExtending eXoskeleton), è un guanto esoscheletrico sviluppato da Telerobots Labs per la riabilitazione della mano in pazienti colpiti da ictus.
Il team di David sta lavorando per rendere il suo ausilio adattativo alla riposta muscolare e nervosa del paziente.

Surgenius, è un robot utilizzato in chirurgia che consiste in due parti: il letto chirurgico, intorno al quale sono posizionati I bracci robotizzati, e la console di commando, posizionata accanto, dalla quale il chirurgo controlla il robot. Gli assistenti possono facilmente stare intorno al letto e il chirurgo può controllare la sala operatoria dalla sua posizione di lavoro.

Dopo la visita dei laboratori, Giancarlo Gaimari (co-founder di TalenTour) e Manuela Pignatelli (responsabile Corporate Relations in AIESEC Genova) hanno presentato alla delegazione le proprie associazioni e le relative attività.

La presentazione di TalenTour è stata focalizzata soprattutto sulla missione dell’associazione che consiste nell’identificare e nel promuovere aziende e startup innovative italiane.

Oggi questa attività di promozione è fatta principalmente sul nostro territorio e nel nostro paese, ma domani potrebbe essere fatta anche all’estero.

Alla fine della giornata Ms Jiang Jing (Deputy Director, Department for Convention & Exhibition Development) e il resto della delegazione di Shanghai hanno ringraziato gli ospiti italiani per l’esperienza magica avuta.

Speriamo veramente di aver fatto capire loro quanto le aziende italiane siano talentuose e creative.

Giancarlo Gaimari

BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling
BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling

MEZZO SECOLO DI IDEE E SUGGESTIONI IN TUTTO IL MONDO

Sabato 14 novembre TalenTour ha visitato Villa Nave a Vesima, sede della Fondazione Renzo Piano e centro di una progettualità che da Genova ha raggiunto ogni angolo del mondo.

Fondazione Renzo Piano

Un gruppo di architetti, designer e creativi è stato accolto dalle dottoresse dallo staff della Fondazione, e quindi introdotto nell’Archivio Vivo, una specie di scrigno delle ultime idee e intuizioni firmate dallo staff del famoso architetto genovese.

RPBW and TalenTour

Ha introdotto la visita Giovanna Giusto che ci ha accolti nell’enorme ambiente dell’Archivio. dove abbiamo conosciuto progetti in lavorazione nei cinque continenti, inclusi i piani di opere molto vicine a noi, come la nuova torre piloti e la proposta di waterfront tra porto antico e Fiera di Genova.

Giovanna è stata così gentile da registrare per noi un breve video dove riassume le motivazioni che hanno ispirato Renzo Piano ad allestire la Fondazione:

La visita è continuata negli archivi della Fondazione tra disegni, modelli e immagini.

Un vero e proprio viaggio lungo quasi mezzo secolo, che parte dai progetti sperimentali degli anni Sessanta, passa attraverso gli anni Settanta con il Centre Georges Pompidou a Parigi, prosegue negli anni Ottanta e Novanta con il Museo Menil in Texas, l’aereoporto di Kansai in Giappone e il Centro Tjibaou inNuova Caledonia, per arrivare ai lavori più recenti come lo Shard a Londra.

Durante il tour è stato presentato anche il progetto “Blueprint”, appena donato da Renzo Piano alle istituzioni locali.

Tale progetto, definito un “rammendo” dall’architetto genovese, vuole ridisegnare il waterfront di levante, dalla calata Gadda fino alla Fiera e (scavalcando il Bisagno) fino a Punta Vagno, puntando a completare un lavoro che per le Colombiane del ’92 si era fermato ai Magazzini del Cotone e separare le riparazioni navali dalla nautica.

Grazie ancora quindi allo staff della fondazione, Chiara Bennati, Nicoletta Durante, Giovanna Giusto e Giovanna Langasco, per la grande disponibilità e pazienza nel raccogliere, gestire e mettere a disposizione del pubblico una così grande ricchezza.

Giancarlo Gaimari e Marcello Morchio

SHANGHAI TO GENOA AND BACK

Versione Italiana

Last week a delegation from the Shanghai Municipal Commission of Commerce visited Genoa in order to meet Manuela Arata, President of the Science Festival Association and Silver Magnolia of the Shanghai Municipality.

Logo

There is a strong relationship between Shanghai and Genoa, created by Manuela herself in the last four years.
Shanghai Municipality knows very well Italian innovation and tech-excellence, such as that of Istituto Italiano di Tecnologia (ICub robot is very popular in China !).

During the day TalenTour arranged a special visit in Telerobot Labs, an center of excellence working in robotics field.

David Corsini and Fabrizio Tubertini (respectively Founder and Business Strategy Consultant at Telerobot Labs) welcomed the delegation from Shanghai and showed them the main hi-tech devices for rehabilitation available in their labs.

ARAMIS (Automatic Recovery Arm Mobility Integrated System) is a robo-mechatronic system consisting of two exoskeletons, with six active degrees of freedom, designed for the rehabilitation and functional recovery of the upper limbs of patients with severe brain injuries.

The ARAMIS system works by exploiting the mechanism of mirror neurons and has been developed in the research laboratories of the Institute S. Anna in Crotone.

FEX (FingersExtending eXoskeleton)  is an exoskeleton glove developed by Telerobot Labs for hand rehabilitation in stroke patients.
David’s team is working hard to enhance it in order to make its aid adaptive to the patients’s muscular and nervous response.

Surgenius  is a surgical robot which occupies two main areas: the surgical bed, around which the robotic arms are placed, and the command console, positioned on one side, from which the surgeon operates the robot. Assistants can easily stand around the bed and the surgeon can monitor the surgical room from his/her working position.

After the lab tour Giancarlo Gaimari (co-founder of TalenTour) and Manuela Pignatelli (responsible for corporate relations in AIESEC Genova) presented their own associations and activities.
TalenTour presentation was mainly focused on their mission to identify and to promote Italian innovative companies and startups.
Today this promotion activity is done mainly in our country, but tomorrow it could be done also abroad.

At the end of the day Ms Jiang Jing (Deputy Director, Department for Convention & Exhibition Development) and the rest of the Shanghai delegation thanked the Italian hosts for the magic experience.

We really hope to have made them understand how competent and creative the Italians companies are.

Giancarlo Gaimari

 

 

BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling
BNNWGT China Shanghai town city blocks of flats high-rise buildings city skyline Huangpu river flow Pudong evening travel traveling

Open Day Fondazione Renzo Piano – 14 Novembre 2015 – POSTI ESAURITI

logo_fondazione_popup

Il  14 Novembre 2015 si terrà l’Open Day della Fondazione Renzo Piano.

Come TalenTour parteciperemo alla visita delle ore 14:30, presso la sede di  Via Rubens 30A, a Genova (zona Vesima). La durata della visita sarà circa 45 minuti.
Sarà una occasione eccezionale per approfondire la conoscenza dell’eccellenza Italiana nel campo dell’Architettura, particolarmente gradita vista la vicinanza con la mostra appena conclusasi al museo navale di Pegli e di incontrare altre persone con la passione del talento.

Il turno assegnato a TalenTour è tutto esaurito!

Si può contattare direttamente la Fondazione Renzo Piano (al  numero 010 691378 entro giovedì 12 Novembre, dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 13), per verificare se è possibile essere inseriti in un altro turno. 

Nella mappa qui sotto le indicazioni esatte per raggiungere l’appuntamento.

April 2015