Category Archives: Flash Visits

LenXmart, ABBI e Glassense: tre giovani imprese genovesi che amano la vita

La ricerca volta al miglioramento della vita umana, amplificando i nostri sensi o compensandone l’eventuale deficit. Questo è il filo conduttore che unisce molte giovani aziende che stanno nascendo nell’ambito dell’Istituto Italiano di Tecnologia, che alla ricerca per la vita ed ispirata alla vita affianca il costante impegno per trasformare la ricerca in impresa.

Abbiamo recentemente incontrato tre gruppi di ricerca che stanno compiendo questa evoluzione: si tratta di LenXmart (progetto Smart Micro Optics)ABBI (Audio Social Tech) e  Glassense.

Dedichiamo a queste tre eccellenze nascenti un post di approfondimento, per il particolare interesse delle applicazioni, e perchè contiamo di tornare presto sull’argomento delle tecnologie per la vita e le opportunità che questo settore presenta per nostro territorio.

LenXmart – Il microscopio digitale in tasca

Andrea Antonini

Andrea Antonini si occupa di ricerca su cellule cerebrali, progettando ed usando speciali sonde endoscopiche: si tratta quindi di lenti molto piccole e molto speciali. Il suo spirito imprenditoriale e l’ambiente favorevole alla sperimentazione dell’IIT lo hanno portato a riflettere su una semplificazione della tecnologia sulla quale lavora per renderla accessibile, fino a progettare una lente super economica e di facile uso, applicabile (senza adesivi: contatto puramente elettrostatico) a qualsiasi smartphone per trasformarlo in un microscopio digitale.

La lente LenXmart si alla fotocamera di un qualunque smartphone.
La lente LenXmart si alla fotocamera di un qualunque smartphone.

Sono pronte e disponibili per test pre-mercato le lenti  per ingrandimenti ottici x10 – per foto macro ad alta definizione, e x20 (per foto/indagini microscopiche), a cui vanno poi sommati gli ingrandimenti digitali disponibili sullo smartphone, mentre è ancora in fase di sperimentazione la lente per ingrandimenti ottici di 100 volte.

Le applicazioni sono infinite, a cominciare dall’uso
didattico, o amatoriale. La sua invenzione consente di
esplorare il micro mondo e condividere facilmente con gli
amici le proprie esperienze microscopiche.

Un particolare del fiore di camomilla che ho fotografato con la lente donatami da Andrea
Un particolare del fiore di camomilla che ho fotografato con la lente donatami da Andrea

Ma le applicazioni professionali sono quelle più interessanti. Pensate all’uso in dermatologia, in botanica, agricoltura o biologia.
Pensate alle possibilità derivanti da ottenere immagini utili
per analisi diagnostiche in qualunque luogo ed a bassissimo
costo: con la lente 100x Andrea ha fotografato i suoi globuli rossi su un vetrino.

Globuli rossi fotografati con lo smartphone
Globuli rossi fotografati con lo smartphone

Andrea produce i suoi prototipi direttamente con le attrezzature dell’istituto, ma è pronto ad entrare in produzione di volume, ed il passaggio dall’idea alla produzione è avvenuto a tempo di record, proprio grazie alla possibilità unica di avere a disposizione anche per la fase di industrializzazione la competenza ed i materiali più avanzati nei laboratori dell’IIT, senza doversi impegnare in investimenti altrimenti insostenibili.

Andrea ha recentemente vinto la selezione ligure della SmartCup  2015, avendo quindi la possibilità di presentare la sua innovazione ed idea imprenditoriale alle selezioni nazionali.

Usiamo il video pitch girato da Andrea per l’occasione per sapere qualcosa di più del progetto.

 

ABBI – la riabilitazione visiva comincia nella primissima infanzia

Monica Gori

Studi recenti hanno dimostrato che non è vero che chi non ci vede ha una migliore acutezza di udito. E’ invece vero che con i sensi sani, chi ha una disabilità visiva può esercitarsi a compensare l’handicap con gli altri sensi creando nuove strutture mentali e migliorando le opportunità di integrazione.

Print
Print

Secondo Monica Gori ed il team di ABBI questa operazione di riabilitazione, basata sul senso dell’udito, può cominciare dai primissimi mesi di vita, e lo sta dimostrando con una sperimentazione che sta diventando impresa. Ce lo hanno spiegato durante la visita di TalenTour del 18 Dicembre 2015 al dipartimento RBCS (Robotics, Brain and Cognitive Sciences) di IIT, dove siamo stati accolti al mattino da Caterina Ansuini e Andrea Cavallo, che hanno svolto una dimostrazione per tutto il gruppo dei visitatori, e nel pomeriggio da Sara Finocchietti per un breve approfondimento.

“ABBI” sta per “Audio Bracelet for Blind Interaction”, che nella sintesi dell’inglese riassume il concetto di Braccialetto Audio di supporto all’interazione per persone non vedenti.

Lasciamo le spiegazioni alla stessa Monica Gori, che dirige il team di ABBI, in un video girato in occasione della partecipazione del team, con il nome di Audio Social Tech alla SmartCup Liguria.

Monica ha dato una spiegazione più lunga ma molto suggestiva in occasione dell’evento TEDx Porto Antico, ad Ottobre a Genova.

Glassense: il super udito è una realtà!

Luca Brayda e Luca GiulianiVi siete mai resi conto che sentite meglio una persona quando la guardate direttamente? Non è una illusione. Il cervello umano è in grado di focalizzare l’udito anche grazie alla direzione del nostro sguardo e quindi della nostra attenzione.

Questo effetto si perde nelle persone che necessitano di apparecchio acustico, perché l’apparecchio acustico amplifica ogni suono che riceve, incluso il rumore di fondo, rendendo più difficile focalizzare l’attenzione su una sorgente sonora, per esempio una persona che parla di fronte a noi in un ambiente rumoroso.

Il team di Luca Brayda, che abbiamo incontrato insieme a Luca Giuliani, sta risolvendo questo problema con Glassense, abbinando ad un apparecchio acustico un sistema di filtraggio direzionale montato su un paio di occhiali speciali.

Luca Giuliani con il prototipo di Glassense
Luca Giuliani con il prototipo di Glassense

Sulle stanghette della montatura sono montati quattro microfoni per lato. L’elaborazione degli otto diversi segnali elaborati dal software sviluppato interamente dal team, consente di distinguere il suono proveniente da ogni direzione, riproducendo poi nell’apparecchio acustico la combinazione  desiderata del suono generato di fronte e di quanto ricevuto dalle altre direzioni.

In linea di principio sarebbe possibile annullare quasi completamente il rumore di fondo, anche se per l’uso normale la percezione del rumore ambientale è indispensabile per motivi di sicurezza: mi interessa sentire bene chi mi parla in un marciapiede affollato, ma devo anche sentire l’autobus che mi sta arrivando alle spalle per potermi allontanare dalla strada!

Oltre agli ambiti medicali e riabilitativi su persone con disabilità uditiva, questa tecnologia presenta interessanti opportunità in applicazioni professionali su utenti normodotati. Mi vengono in mente facilmente molte situazioni in cui è importante poter migliorare la percezione sonora da una direzione specifica… per non tirare in ballo il super udito di Superman!

Tutta l’elaborazione avviene in un piccola scheda elettronica, progettata per poter essere miniaturizzata e comunicare direttamente con lo smartphone dell’utente per essere controllata.

topicacousticsp2-972a8851d4c10181638203fb05092e5c585

Il progetto Glassense è realizzato in collaborazione tra molti partners, nell’ambito del consorzio Si4Life. Ancora non costituisce una startup indipendente ma nel consorzio sono presenti aziende specializzate in  occhiali, assistenza e riabilitazione e sviluppo software, con il coordinamento di  Linear srl di Genova, specializzata in apparecchi acustici.

Abbiamo avuto una interessantissima e divertentissima presentazione di gruppo durante il TalenTour in IIT della mattina del 18 Dicembre, con un gruppo di stutenti di ingegneria che hanno apprezzato il funzionamento del progetto e le caratteristiche “trendy” del prototipo. Nel pomeriggio Luca e Luca hanno avuto la pazienza di incontrarci nuovamente per un utile approfondimento.

Ecco qualche link di approfondimento:

Nel sito iit

Nel sito del consorzio Si4Life

Ed un video prodotto dall’IIT in cui Luca e Luca presentano direttamente il loro progetto.

 

GENNY Mobility: Ride Your Change!

Cavalcare il proprio cambiamento. E’ uno slogan azzeccato in qualunque contesto, ma per la startup Genny Mobility ha un significato particolarmente profondo.

Significa adattarsi attivamente ad una nuova situazione, come ci ha raccontato Simone Capelli, istruttore di sollevamento pesi, parte del team della startup che ha progettato e sta commercializzando un mezzo di locomozione che chiamare sedia a rotelle è come chiamare telegrafo uno smartphone.

Marcello Simone e Giancarlo. Chi dei tre è più in forma?
Marcello Simone e Giancarlo. Chi dei tre è più in forma?

Anche se Simone non avesse aperto bocca la naturalezza con cui si muove su GENNY ci avrebbe già convinto che si tratta di una estensione del suo corpo: l’uso dell’equilibrio per spostarsi, le mani libere dalla necessità di spingere le ruote e la postura tonica parlano da sole.

Nella lunga chiacchierata poi abbiamo seguito la storia di una tecnologia nata dall’idea di Paolo Badano, che di fronte al cambiamento della sua vita causato da un incidente in moto, ha deciso di non rassegnarsi ad usare una sedia obsoleta ma di reinventare la mobilità concependo un mezzo che ha dell’incredibile. Basta pensare che Simone con la su GENNY ha percorso l’alta via dei monti liguri.

E con la storia delle tecnologia abbiamo anche affrontato la storia della disabilità, sfiorando tutte le complessità che ne derivano ma anche facendoci un’idea di quanto in questo campo ci sia da fare, per proseguire lungo la strada dell’autonomia. Si tratta di un percorso sociale che riguarda la divulgazione e la sensibilizzazione, ma anche di un percorso tecnologico e di innovazione, che nell’essere anche solo accennato ha fatto accendere diverse lampadine nelle teste dei partecipanti di TalenTour!

Targa TalenTour e GENNY

Tra i link da non perdere:

Il sito di GENNY Mobility

Il fumetto ANGOR: What is your excuse?

L’incontro con Simone, di GENNY Mobility ha seguito la visita alla Smart Polygeneration Microgrid del campus di Savona.

 

Flash meeting: 10 Aprile, Genny Mobility

Determinazione e innovazione, una soluzione di mobilità che ha adattato il Segway alle esigenze del “popolo dei seduti”, per riprendere una battuta di Paolo Badano, ideatore  di Genny(TM) e CEO dell’azienda Genny Mobility.

Genny Mobility

Una storia che passa dalla Liguria, e che avremo il piacere di ascoltare da un allenatore di eccezione, presso il Campus dell’Università di Savona, in un incontro flash subito dopo il tour alla Smart Polygeneration Microgrid del 10 Aprile.

Per partecipare all’incontro con Genny Mobility usate la pagina di iscrizione alla visita SPM!

HIRIS – Da Genova in Piazza Colombo alla conquista del mondo dei wearable!

19 e 23 Febbraio: Ingegneri, informatici, designers, imprenditori e startuppers hanno incontrato Marco  Gaudina ed il team di Circle Garage, che sta portando in produzione HIRIS il computer indossabile ed espandibile disegnato progettato e prodotto in Italia.

TalenTour @ Circle Garage
TalenTour @ Circle Garage

HIRIS risponde all’esigenza di raccogliere in un solo dispositivo tutto quello che si può desiderare tra sensori, connettività e programmabilità,  E’ l’unico al mondo ed nato a Genova, ideato e brevettato e sviluppato da un piccolo team interdisciplinare.  Giovani ingegneri, designer, esperti di User Experience e grafica 3D con una visione molto chiara: realizzare un prodotto eccezionale, che competa con i giganti del consumer, progettato e prodotto totalmente in Italia.

La storia che abbiamo sentito in Circle Garage parla di tecnologia al servizio dell’uomo, di un progetto ambizioso e di tante lezioni imparate giorno dopo giorno, scoprendo un tassello alla volta il puzzle di esperienze e competenze che compone l’ecosistema in cui un’idea può germogliare e trasformarsi in un prodotto di successo. Il mercato di riferimento è ghiotto e parte dal fitness, dove già si affollano molti concorrenti, per espandersi all’Internet Of Things, l’automobile e le applicazioni industriali.

Per portare tutto ciò in produzione, dopo molti successi in competizioni di startup, il  team si è lanciato in un crowdfunding, promosso a partire dalla partecipazione al CES di Las Vegas e supportato da un incessante lavoro di comunicazione, per validare l’interesse per il prodotto e la capacità dell’azienda di raggiungere il maggior numero di finanziatori. Dal semplice “Grazie!” al preordine del prodotto in versione personale, professionale o per gli sviluppatori, tutti possiamo dare una mano, contribuendo e diffondendo!

Informazioni tecniche a non finire si trovano proprio nelle pagine del crowdfunding, compresi molti video che spiegano il prodotto in pochi minuti. Ne scelgo uno in tema alla stagione invernale!

19 e 23 Febbraio – HIRIS – Indossare il talento da Genova a Las Vegas!

Flash Tour!
Ore 18:00, 10 partecipanti, 60 minuti.

19 e 23 Febbraio 2015 ore 18, visita gratuita
Per proporre la propria partecipazione usate il

Modulo di Contatto per la visita Circle Garage

Il talento italiano produce eccellenza da indossare. Non è una novità, anzi sembra quasi uno stereotipo. Ma qui non parliamo di sartoria, parliamo di alta tecnologia nel campo del “wearable”: prodotti che si indossano e interagiscono con la nostra vita per migliorarla, sotto il nostro controllo.

HIRIS è più di un braccialetto collegato allo smartphone: è un computer indossabile, un sistema flessibile ed espandibile dalle possibilità infinite.

La presentazione ufficiale al CES di Las Vegas a Gennaio, la campagna di crowdfunding su Indiegogo, e tanto lavoro di ingegneria e design che partono e continuano proprio a Genova, nella startup Circle Garage, che apre le porte ad un gruppo di entusiasti.

Con HIRIS TalenTour propone una nuova modalità di incontro, il Flash Tour: un piccolo gruppo per un breve incontro super intensivo dove si parte da un’idea e tutto può succedere.

Si trovano molte informazioni in rete per prepararsi alla visita.  Vi proponiamo due spunti: il video del blog “Tom’s Hardware”

e la pagina del crowdfunding su Indiegogo, dove è spiegato tutto, ma proprio tutto e c’è la possibilità di contribuire a questa storia di talento Italiano.

10805554_416093725208440_1674094675943194841_n