DSC06653

I LABORATORI DEL GRAFENE A GENOVA

Link to English version

Alla “corsa all’oro” delle applicazioni del grafene l’Italia partecipa in modo rilevante: lo scorso giugno sono state infatti inaugurate, presso il parco scientifico ComoNext di Lomazzo (Como), le “Officine del Grafene”, il più grande stabilimento europeo per la generazione di fogli di grafene altamente puro.
Il primo modulo dello stabilimento ha una capacità produttiva di 30 tonnellate l’anno, ed è stato realizzato in modo da consumare una quantità limitata di energia e di non generare alcun tipo di emissione o scarto.

A realizzare l’impianto e’ stata DirectaPlus, una eccellenza italiana attiva dal 2005 che già nel 2006 ha presentato richiesta di brevetto per il procedimento denominato G+ per la produzione di nanomateriali a base di grafene.
DirectaPlus vuole sperimentare l’impiego della propria tecnologia di produzione del grafene nel campo delle batterie agli ioni di litio e dei polimeri a base di nylon.
Per questo motivo, contestualmente all’apertura dell’impianto ha annunciato un accordo di collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) a Genova.
L’accordo prevede uno scambio di know-how con i Graphene Labs dell’IIT attraverso il lavoro congiunto.
Per queso motivo TalenTour ha deciso di organizzare un Pint of Talent con Francesco Bonaccorso, principal investigator dell’Istituto Italiano di Tecnologia.

From left: Francesco Bonaccorso, Giancarlo Gaimari, Marcello Morchio
From left: Francesco Bonaccorso, Giancarlo Gaimari, Marcello Morchio

Francesco Bonaccorso ha ottenuto un dottorato di ricerca presso il Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Messina in Italia dopo aver lavorato presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano, il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Cambridge (Regno Unito) e il Dipartimento di Fisica e Astronomia della Vanderbilt University (USA).

Nel giugno 2009 gli è stato conferito un Royal Society Newton International Fellowship presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Cambridge, ed eletto ad una borsa di studio di ricerca presso la Hughes Hall.
In aprile 2014 Francesco è passato ai Graphene Labs dell’Istituto Italiano di Tecnologia. E’ stato il responsabile della definizione della roadmap scientifica e tecnologica dei prossimi dieci anni per il programma Graphene Flagship.
I suoi interessi di ricerca comprendono l’elaborazione soluzione di nanomateriali di carbonio (come grafene, nanotubi e nanodiamanti) e materiali stratificati inorganici, loro caratterizzazione spettroscopica, incorporazione in compositi polimerici e applicazione nelle celle solari, dispositivi che emettono luce, batterie agli ioni di litio e laser ultraveloci.

DSC06649

Francesco ha mostrato a TalenTour i Graphene Labs, una struttura creata in pochi mesi all’IIT unica in tutta Italia:
Il laboratori sono forniti di strumenti sofisticatissimi che permetteranno di testare congiuntamente a DirectaPlus la tecnologia in loro possesso in nuovi campi applicativi, dalle enormi potenzialità di sviluppo.

Ma la missione dell’IIT non si limita alla collaborazione con DirectaPlus.

Da tempo l’Istituto è coinvolto su uno dei programmi europei più avveniristici, il Graphene Flagship:

Il grafene Flagship è la più grande iniziativa di ricerca mai dell’UE. Con un bilancio di 1 miliardo di €, rappresenta una nuova forma di, ricerca coordinata congiunta su una scala senza precedenti.

Il grafene Flagship ha il compito di riunire ricercatori accademici e industriali di prendere grafene dal regno dei laboratori universitari nella società europea nel giro di 10 anni, generando così la crescita economica, nuovi posti di lavoro e nuove opportunità.

Lanciato nel 2013, il grafene Flagship è, insieme con il progetto Human Brain , il primo della Commissione europea Tecnologie future ed emergenti (FET) Flagships , la cui missione è quella di affrontare le grandi sfide scientifiche e tecnologiche dell’epoca attraverso a lungo termine, sforzi multidisciplinari di R & S.

Il grafene Flagship è coordinato da Chalmers University of Technology , Gothenburg, Svezia.
Vittorio Pellegrini, collega di Francesco in IIT, è il Segretario Scientifico dello Strategic Advisory Council del Graphene Flagship.

Nel 2016 l’Istituto avrà anche la responsabilità di organizzare la sesta edizione della Graphene Conference:
Una opportunità unica per Genova e per l’Italia, organizzata da Francesco e dai suoi colleghi. Un evento che TalenTour racconterà nei prossimi mesi.

Giancarlo Gaimari

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *