ESA Tech Transfer workshop - Cover2

Il talento spaziale atterra sulle aziende Italiane – ESA Tech Transfer Workshop

Il trasferimento tecnologico è per definizione una grande opportunità di sviluppo. Tale possibilità sale poi alle stelle quando  e’ basata su una iniziativa che coinvolge una realta’ piena di significati come l’Agenzia Spaziale Europea (ESA – European Space Agency), che (in collaborazione con RINA Consulting, ARBO e TalenTour) ha organizzato un vero e proprio sbarco spaziale di innovazione a Genova il 21 Giugno 2017.

ESA RINA TalenTour Technology Transfer Workshop

ESA Technology Transfer Network

Proprio di questa “messa a terra” di tecnologia spaziale si occupa l’ESA Technology Exchange, iniziativa a livello europeo che si avvale di una rete internazionale di broker tecnologici per l’identificazione di opportunità di trasferimento e di una costellazione di incubatori per lo sviluppo di nuove imprese  nel settore spaziale.

L’evento genovese è stato introdotto da Aude de Clercq, Technology Transfer Officer di ESA, che ha dato  immediatamente una dimensione concreta alle opportunità in gioco: 130+ invenzioni, 400+ brevetti disponibili ad essere trasferiti gratuitamente per applicazioni spaziali, 300+ trasferimenti eseguiti e 19 incubatori in Europa con la capacita’ di sfornare 130 nuove start-up ogni anno.

Domanda e offerta di tecnologia

Il compito dei broker tecnologici è identificare le opportunità di matching tra necessità di tecnologia e disponibilità di proprietà intellettuale adeguata. Quando si identifica la giusta corrispondenza l’accelerazione data dalla ricerca accelera l’evoluzione dell’industria, concedendo un vantaggio di  anni all’azienda che è in grado di cogliere l’opportunità.

Hermes in volo

Un esempio di successo portato da Aude è significativo: il materiale studiato per proteggere i veicoli di rientro nell’atmosfera terrestre è stato efficacemente adattato per realizzare freni a disco di alta gamma da una azienda italiana del settore automotive. Questi freni hanno una durata superiore a 300 mila chilometri, una eccezionale resistenza al calore e pesano un terzo dei freni tradizionali.

Il progetto da cui deriva questo brevetto è Hermes, lo shuttle europeo, che pur non avendo mai volato nello spazio ha prodotto una moltitudine di tecnologie che stanno ora atterrando nei più svariati settori dell’industria.

Hermes shuttle and some of the relevant technology fall-out
Hermes shuttle and some of the relevant technology fall-out

Matchmaking!

Andrea Ferrari (RINA), Aude De Clercq (ESA)e Alessandra Masini (RINA)
Andrea Ferrari (RINA), Aude De Clercq (ESA) e Alessandra Masini (RINA)

Come hanno spiegato Andrea Ferrari e Alessandra Masini (RINA Consulting) il  matching non può essere svolto da un processo automatico.

Anche con il lavoro di preparazione nell’elaborare le necessità tecnologiche espresse dalle aziende partecipanti all’evento, associare le centinaia di tecnologie richiede ingegno, fantasia e collaborazione. Ecco quindi che in perfetto stile “design thinking”, il team RINA ha preparato 300 carte con la descrizione di ogni  tecnologia e quasi trenta cartelloni con i bisogni espressi.

Coadiuvati  poi da TalenTour, da ARBO e da alcune aziende con competenza spaziale o di ricerca intervenute all’evento, i partecipanti e gli organizzatori hanno dato vita a sei sessioni di brainstorming che hanno portato ad associare creativamente domande e offerte.

Ogni bisogno espresso ha avuto modo di essere collegato a molte offerte tecnologiche che saranno poi approfondite in una fase di follow-up. E ogni partecipante ha avuto modo di familiarizzare con le opportunità disponibili, attivando un processo di associazione che genererà a sua volta ulteriori spunti e collegamenti.

Arbo e TalenTour

ARBO e TalenTour sono due realtà che operano da qualche anno sia a livello nazionale che internazionale. Entrambe le realtà operano nel settore della tutela dell’innovazione, con un particolare sguardo all’Open Innovation, e del Technology Transfer, la prima più focalizzata sulla fase di “patenting” e la seconda sulla fase di “validation” e di “exploitation” relativa alle offerte tecnologiche (brevetti, know how, etc.).

ARBO e TalenTour sono state coinvolte da RINA Consulting nel supporto all’evento. Il loro contributo all’esito dell’iniziativa si e’ focalizzato sul coinvolgimento di realtà industriali anche di portata nazionale, sulla elaborazione dei need tecnologici ricevuti, sulla animazione del workshop ed infine sulla fase di follow-up.

Ne e’ emersa una importante conferma dell’efficacia della collaborazione tra ARBO e TalenTour: la valorizzazione delle reti sul territorio, la combinazione tra gestione della proprietà intellettuale e spinta di validazione e disseminazione delle idee si rivelano come un asset significativo a supporto di iniziative in tema di innovazione tecnologica e di processo.

Arbo e TalenTour 2017 06 21 ESA Wshop cover
Arbo and TalenTour presentation at ESA Workshop (click to open pdf)

This slideshow requires JavaScript.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *