Archivio: AI

Boote ovvero Allevamento 4.0

Quando pensiamo a tecnologie quali IoT,  Blockchain, BigData ed AI ci viene subito in mente l’industria o la finanza, ma la loro versatilità è tale che possono essere applicate e portare benefici anche a settori tradizionali, che hanno accompagnato l’uomo dalla preistoria ai giorni nostri, come l’allevamento.

E’ quello che ha fatto BOOTE, e lo ha fatto così bene da meritarsi il  Premio Speciale TalenTour alla XII edizione del premio BEST PRACTICES per l’Innovazione, organizzato da Confindustria Salerno il 6-7 dicembre 2018

Il Premio Speciale TalenTour ha un grosso valore in termini di promozione e di matchmaking sia a livello nazionale che a livello internazionale.

Nel dettaglio il premio consiste in:

un incontro con un’importante multinazionale, molto attenta e interessata a soluzioni IoT originali da integrare nell’offerta ai propri clienti;

la possibilità di conoscere l’ecosistema tecnologico e le aziende liguri, partecipando al CoffeeTech organizzato da Confindustria Genova e ad altri eventi liguri.

Gli eventi sopra menzionati avranno luogo tutti entro il primo semestre di quest’anno.

Ma parliamo ora di BOOTE e del suo prodotto.

imm1

Boote è una startup lucana che prende il suo nome dalla costellazione del mandriano (o Bootes in latino); è stata fondata nel Febbraio 2018 da Giovanni Pergola e Antonio Pessolani che assieme a Antonio Possidente e Ivan Cavallo rappresentano le “stelle” di questa costellazione.che si prefigge di supportare con strumenti tecnologici e innovativi l’allevamento al pascolo libero.

imm2

La mission di Boote è di supportare con strumenti tecnologici e innovativi l’allevamento al pascolo libero.

Il pascolo libero rispetto all’allevamento in stalla ha indubbi vantaggi in termini di qualità della vita dell’animale che si traducono in termini di qualità dei prodotti da essi derivati (latte e carne) che finiscono sulle nostre tavole.

Boote attraverso la sua soluzione IoT e Blockchain si prefigge due obiettivi: abbassare i costi dell’allevamento al pascolo avvicinandoli a quelli dell’allevamento in stalla e certificare la filiera perché il consumatore finale sappia veramente cosa troverà nel suo piatto.

Questa breve animazione ci dà un’idea delle problematiche da affrontare per semplificare la gestione di una mandria al pascolo e della soluzione proposta da Boote.

Boote ha sviluppato una complessa piattaforma informatica/elettronica composta da un sistema informatico centrale e da un device hardware (Boote collar).

imm3

imm4

Il collare intelligente (Boote Collar) monitora in tempo reale tutte le attività del bovino ed alcuni suoi parametri vitali. I dati vengono raccolti e inviati ad una piattaforma informatica altamente tecnologica che li elabora e li interconnette,  tramite tecniche di AI, ad ulteriori basi di dati quali ad esempio quelle delle colture arboree presenti, del meteo localizzato, di attività umane che possono interferire con l’allevamento, ecc.
I dati così elaborati rilevano la posizione lo stato di salute degli animali ed indicazione di potenziali pericoli fornendo all’allevatore indicazione sui comportamenti da adottare, analisi predittive ed informazioni per migliorare ed ottimizzare il suo lavoro sollevandolo dalla necessità di seguire in maniera continuativa la mandria.

In conclusione i dati raccolti relativi allo stato di salute delle mucche e alla qualità dell’ambiente dove effettivamente vive il bovino forniranno informazioni utili a garantire, tramite la food Blockchain creata, la tracciabilità e la rintracciabilità dei prodotti carne e latte.

imm5

Boote per lo sviluppo della sua piattaforma che ha battezzato “Mandriano 4.0” si avvale della collaborazione di associazioni di categoria quali Coldiretti Basilicata ed è fortemente interessata a sviluppi commerciali con aziende che già si occupano di zootecnia per ampliare i canali di vendita e distribuzione del sistema.

Boote ha anche interessi a costituire e consolidare rapporti commerciali con fornitori dei componenti del sistema e cioè, dei circuiti integrati, della connettività (gestori fonia e dati), dei pannelli fotovoltaici e delle batterie nonché dei servizi cloud e della stampa 3d dei Boote collar

Boote ha presentato il suo prodotto a Startup Basilicata, Potenza il 27 settembre 2018,  a SMAU Milano 23-24-25 Ottobre 2018 e alla XII edizione del premio BEST PRACTICES per l’Innovazione, Salerno il 6-7 dicembre 2018, riscuotendo  grande interesse dei presenti, incluso il nostro, che abbiamo deciso di assegnarle il Premio Speciale TalenTour come migliore Startup.

 

BPI_Boote_1

BPI_Boote_2

Di fronte a questa bella realtà, noi di Talentour non possiamo fare altro che i nostri migliori auguri per un rapido approdo di Mandriano 4.0 sul mercato.

TESEO – AMBIENT ASSISTED LIVING

Anche quest’anno TalenTour ha svolto il suo ruolo di partner del Corso di Perfezionamento per Startup Innovative del DIEC – Università di Genova, assegnando il premio speciale alla startup prima classificata: Teseo .

T1T6

Ecco in cosa consiste il premio speciale TalenTour quest’anno:

  • un Pint of Talent avvenuto il 23 novembre tra la startup ed i membri di TalenTour con lo scopo di preparare gli step successivi;
  • un percorso di match making con la multinazionale giapponese NTT DATA,
  • la registrazione gratuita alla XII edizione del premio BEST PRACTICES per l’Innovazione, organizzata da Confindustria Salerno il 6-7 dicembre.

Conosciamo meglio TESEO

T3

Teseo nasce nel 2015 come statup innovativa ad opera di Antonella Giuni e Fulvio Mastrogiovanni, dal gennaio 2018 è riconosciuta spin-off dell’Università di Genova. Teseo sviluppa soluzioni di Ambient Assisted Living con l’obiettivo di fornire strumenti di monitoraggio non invasivo per persone anziane ma autosufficienti che desiderano mantenere la propria indipendenza, senza però rinunciare all’aiuto dei loro cari in caso di necessità.

La soluzione consiste in una serie di dispositivi indossabili, di device distribuiti nell’ambiente, per consentire un monitoraggio rispettoso della privacy, e di una piattaforma SW, che identifica ed apprende la normale gestualità della vita ed è in grado di riconoscere le anomalie e le situazioni di potenziale pericolo, attivando una connessione con i propri cari o con un centro di assistenza.

Teseo oggi opera con un team di dodici persone altamente qualificate con competenze che spaziano dagli aspetti tecnologici (IoT, ML, AI, Cloud Computing, Blockchain e HW digitale) a processi di produzione, Marketing e vendite.

La soluzione è già commercializzata ed ha come clienti target principalmente Ospedali, Residenze Sanitarie Assistenziali e strutture di Social Housing.

Attraverso il proprio partner commerciale attualmente sono indirizzati i mercati di Italia e Svizzera, mentre è in fase di valutazione l’espansione verso altri mercati europei, Canada, USA e Cina.

Maggiori informazioni sono disponibili nella brochure e nella presentazione allegate.

Brochure_TESEO_PRINT

TESEO_EN

PoT follow up: qualche dettaglio in più

Il percorso di match making tra Teseo e NTT Data partirà il 3 dicembre a con un incontro presso la sede milanese di NTT Data con la presenza di TalenTour; questo percorso è volto all’esplorazione di possibili sinergie e opportunità di collaborazione.

Nel corso dell’incontro si farà anche il punto sulla partecipazione di Teseo alla nona edizione dell’Open Innovation contest di NTT DATA che vedrà le prime dieci statup Italiane selezionate competere tra loro per accedere alla possibilità di sviluppare una proposta di soluzione congiunta con NTT Data, da lanciare sul mercato globale; la vincitrice avrà anche l’opportunità di poter accedere alla finale mondiale che si terrà a Tokyo nella prossima primavera.

T4

L’ultimo step del premio TalenTour consiste nella partecipazione di Teseo al premio BEST PRACTICES per l’Innovazione di Confindustria Salerno che si terrà nei giorni 6-7 dicembre prossimi.

T5

I nostri migliori auguri come team TalenTour a Teseo affinché possa trarre il massimo risultato da questo percorso.