Archivio: Genova

A new word to explain how IoT is changing the world: Thingalytics!

Versione Italiana

Is this yet another buzzword on the Internet Of Tings business? Or it may be the case that we need new words to define something  which is changing the world at a pace and is overcoming the  technical revolutions which most of us witnessed in our lives?

TalenTour and PLAT.ONE
Marcello Morchio, Giorgio Murroni, Giancarlo Gaimari

We recently met with Giorgio Murroni, business developer at PLAT.ONE, during a pleasant aperitivo in the Ancient Port of Genova.  The company’s story is a n example of  technical excellence, built on decades of experience in software development and system integration to satisfy different customer needs,  and business acumen to identify a common need in a booming market and starting up a dedicated company  to hit the bigger target of the global market.

platone_def_logo_rgb_lang

Continue reading A new word to explain how IoT is changing the world: Thingalytics!

Flairbit: coltivare il futuro nel campo dei dati

Capita di fare incontri che mettono l’ottimismo addosso. Ci è successo incontrando i tre fondatori di Flairbit, presso il Teatro Altrove in pieno centro storico di Genova.  La loro storia imprenditoriale è appena cominciata, ma le premesse ci sono tutte: esperienza, competenza,  passione, ed aver individuato esigenze non ancora soddisfatte in un settore in crescita velocissima. 

TalenTour and Flairbit team
Eccoci al Teatro Altrove insieme al team di Flairbit

A parlare di Big Data infatti sono ormai tutti capaci, ma mettere insieme enormi moli di dati molto diversi tra loro e ricavarne valore è ancora una questione di talento!

flairbit logoFlairbit è una startup fondata a fine 2015 che si occupa di fornire servizi e soluzioni software complete nell’ambito dell’Internet of Things (IoT) e dei Big Data. I soci fondatori, Luca Bixio, Matteo Parodi e Matteo Rulli, dopo dieci anni di esperienza come dipendenti in questi settori, hanno deciso di provare una nuova avventura imprenditoriale guidati dal loro entusiasmo e dalla passione per le tecnologie emergenti.

Flairbit Team - TalenTour
Luca Bixio, Matteo Parodi e Matteo Rulli, fondatori di Flairbit

Al momento, FlairBit fornisce i propri servizi professionali a diversi clienti che operano in settori eterogenei come, ad esempio, il fleet management o asset tracking (ad esempio, veicoli aziendali, container, etc.), la smart agriculture (ad esempio, ottimizzando grazie alle tecnologie IoT la produttività e la redditività degli appezzamenti), i connected products (ad esempio, macchine del caffè, distributori automatici, refrigeratori professionali, macchine per il gelato), l’energy management and efficiency.

In tutti questi settori applicativi ci sono diversi aspetti comuni: la raccolta dati da sensori eterogenei, la gestione e l’analisi dei dati, l’elaborazione dei dati per estrarre informazioni sintetiche e significative, la visualizzazione dei dati su applicazioni desktop e mobile.

Questi processi hanno diverse criticità come, ad esempio, i problemi di latenza, di varietà, di volume e di velocità dei dati nella fase di acquisizione oppure i problemi di volume, di diversità e di qualità dei dati nella fase di gestione e analisi dati.

FlairBit è in grado di gestire queste criticità fornendo al cliente servizi e soluzioni software elastiche, scalabili e robuste per diversi scenari applicativi. A seconda del grado di maturità e di conoscenza del cliente in termini di tecnologia e problematiche relative all’Internet of Things e ai Big Data, FlairBit è in grado di supportare il cliente in tutte le fasi del processo come la definizione della strategia tecnologica, la definizione dell’architettura software, lo sviluppo di moduli software per risolvere specifici problemi o requisiti, lo sviluppo di soluzioni complete dall’hardware all’applicazione.

Attualmente FlairBit sta siglando alcune partnership strategiche con alcuni player importanti a livello internazionale per garantire ai propri clienti le migliori tecnologie e prodotti disponibili attualmente sul mercato.

Dopo pochi mesi e, grazie ad una partenza sprint, FlairBit sta attraversando la sua prima fase di cambiamento ed espansione. Infatti, FlairBit è stata recentemente selezionata dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR) per assumere giovani dottori di ricerca in azienda. Grazie a questa iniziativa FlairBit sarà in grado di espandere il suo team di ricerca e sviluppo accelerando lo sviluppo di nuovi prodotti innovativi per l’Internet of Things e i Big Data.

careers
La pagina di ricerche di personale di Flairbit!

Contemporaneamente, FlairBit sta impostando importanti partnership strategiche per l’internazionalizzazione dell’azienda. Il mercato IoT e BigData è globale, ma l’intenzione è sicuramente quella di mantenere la ricerca e sviluppo in Italia e sfruttare i giovani talenti che vengono costantemente formati dai nostri centri di ricerca e dall’Università per offrire dei prodotti proprietari ad alto valore aggiunto.

Nel centro storico di Genova, i cavalieri dell’innovazione

La Loggia della Mercanzia di Piazza Banchi
La Loggia della Mercanzia di Piazza Banchi

Abbiamo incontrato i fondatori di Camelot nella loro nuova sede, in Piazza Banchi, nel cuore storico dell’economia Genovese. Matteo Santoro e Curzio Basso ci hanno raccontato come  un gruppo di giovani fisici ha fondato startup dedicata a progetti di ricerca, per trasformarla in pochi anni in una PMI che che si guadagna un posto nel mercato di prodotti ad altissima innovazione. Un percorso di crescita fondato sulla competenza e sul paziente investimento nel fare rete: entrambi investimenti che ripagano nel lungo periodo e che costituiscono una corrispondenza perfetta con gli obiettivi ed i valori di TalenTour.

Ecco la loro storia e le loro nuove sfide, che avremo presto modo di approfondire in nuove iniziative di TalenTour.

logo_camelot

Continue reading Nel centro storico di Genova, i cavalieri dell’innovazione

18 Marzo 2016 – Al Salone per collegare impresa e società

Torna a Genova il Salone della CSR/IS  – Corporate Social Responsibility e Innovazione Sociale, il 18 Marzo 2016, a Genova, Palazzo della Meridiana.

Salone CSR IS Genova

Una giornata di incontri tra aziende, organizzazioni sociali, istituzioni  e pubblico interessato con l’ambizione di scambiare informazioni operative o meglio ancora far nascere innovazioni volte a ad unire gli interessi dello sviluppo economico con la responsabilità di ognuno di noi nei confronti della società e dell’equilibrio.

L’edizione di Genova del Salone è organizzata da Etic Lab, e TalenTour sarà presente ad un tavolo particolarmente interessante che richiama le nostre ambizioni di collegare gli individui, le imprese e la formazione, in una rete che produca stimoli e identifichi le opportunità,

L’evento è gratuito. Informazioni e  prenotazioni tramite la pagina Event Brite del Salone.

eb-logo

Nei prossimi giorni sarà disponibile il programma completo sul sito nazionale del Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale.

 

 

Marcello Morchio

 

Smart Cup Liguria: La difficile scelta tra i talenti Liguri

 

Un importante evento di innovazione in Liguria, raccontato da un inviato molto speciale: uno dei giurati  che hanno avuto il difficile compito di decidere quali idee premiare!


Foto CV Bella_1Matteo Aragone: è coordinatore scientifico di Genova 2021 e Presidente di Alumni Isict. Dopo aver conseguito una doppia laurea tra Università di Genova e Télécom ParisTech e aver trascorso 5 anni a Sophia Antipolis presso Amadeus, dove ha coordinato progetti internazionali e depositato diverse domande di brevetto, è tornato a Genova convinto di poter dare il suo piccolo contributo per portare innovazione sul nostro territorio.

La SmartCup Liguria si è conclusa il 26 novembre, i verdetti sono scritti: nella categoria principale vince Smart Micro Optics, spinoff di Iit che promette di vendere lenti da applicare sui smartphone per simulare un microscopio, le startup selezionate per accedere al Premio Nazionale dell’Innovazione sono Holaboat, Audio Social Tech e Fluid Smart Grid.
Ho avuto modo di seguire da vicino i lavori della SmartCup Liguria nel ruolo di giurato e, può sembrare una frase fatta, scegliere i vincitori non è stato un compito facile. Eccezion fatta per qualche proposta ancora acerba (ma il compito di una SmartCup è anche far nascere idee anche a chi non avrebbe mai pensato di diventare imprenditore), il livello è stato alto, sia per l’innovatività delle idee sia per la concretezza dei contenuti. Il merito di questo risultato va sicuramente ascritto agli organizzatori della SmartCup (Valeria Rainisio, Silvia Pedemonte e Roberto Merlo di Filse) e più, in generale, a un territorio che ha saputo organizzare numerose iniziative a favore dell’imprenditorialità: Unige, Iit, Camera di Commercio, Confindustria Genova e Genova 2021 sono solo alcune delle realtà che hanno contribuito al crescere del “movimento startup” in Liguria. Molto resta da fare, Fondazione Ricerca Imprenditorialità è un nuovo attore che contribuirà ad un ulteriore balzo in avanti, ma la strada è quella giusta.

L’evento è stato presentato da Manuela Arata, presidente del Festival della Scienza, che con la sua passione dimostra che la ricerca scientifica non deve essere confinata ai laboratori, ma diffusa tramite eventi di divulgazione e il trasferimento tecnologico. Anche l’assessore Edoardo Rixi trova parole positive, afferma che i risultati di SmartCup testimoniano la vitalità del territorio e sostiene che la giunta vuole sostenere le startup tramite incentivi attraverso il disegno di legge per la Crescita (Growth Act).

Ma torniamo ai premi: chi sono e soprattutto cosa fanno le startup?

  • Categorie principali:
    • Vincitore assoluto e categoria industrial: Smart Micro Optics  Spinoff di Iit che progetta di vendere lenti da applicare sugli smartphone per simulare un microscopio.
      smartmicroptics (2)
    • Ict social innovation: Holaboat. Sull’onda della sharing economy, è una piattaforma che permette di condividere barche, una sorta di AirBnb per escursioni marine.logo-holaboat
    • Life science: AudioSocialTech Spinoff di Iit, nato da un progetto europeo per aiutare bambini non vedenti a interagire con il mondo tramite un braccialetto intelligente.audiosocialtech
    • Cleantech: Fluid Smart Grid Metering. Spinoff di Unige specializzato nel perfezionamento delle smart grid.smartfluid
  • Menzioni speciali
    • Pari Opportunità: Holaboat
    • Social: Audio Social Tech
    • Miglior Presentazione: Talos. È uno spinoff di Unige specializzato nella security nel mondo app, ha vinto l’edizione precedente della StartCup di Unige..
  • CCIAA
    • È uno spinoff di Iit che progetta nuovi soluzione innovative nel settore robotica per chirurgia di precisione
  • SmartCup di Unige
    • FluidSmartGrid
    • Wellnx:società biomedica per il telecontrollo di persone anziane
    • BGP: Spinoff di Unige specializzata nella consulenza nel settore edile
  • Talent Garden
    • Talos
    • FlairBit  Spinoff di Unige specializzata nel middleware
    • Spesando (Unige) app per aiutare a fare la spesa scegliendo il supermercato migliore nelle vicinanze.

Tra i numerosi vincitori, mi fa piacere vedere l’ottimo risultato di Talos, spinoff nato da un dottorando iscritto ad Alumni Isict, l’associazione di cui sono presidente e relativa ai laureati che si sono distinti nella loro carriera accademica e hanno terminato il prestigioso percorso di Isict. Tra i nostri soci, non posso non citare Saverio Murgia e Luca Nardelli soci fondatori di Horus che, nello stesso giorno della Smart Cup Liguria, hanno sfiorato l’impresa concludendo tra i finalisti del Premio Marzotto, il più importante a livello italiano per le startup.

Sperando di avervi interessato, vi invito a continuare a seguire Talentour: nelle prossime “puntate” vedremo le interviste ai vincitori di Alberto Balbi e Federica Laureri di Global Shapers, l’associazione per giovani under 30 che puntano a migliorare il nostro territorio seguendo le indicazioni del World Economic Forum.

Matteo Aragone

A “Pint of Data” with Rulex and Camelot

In a extraordinary warm evening of november we had the pleasure to share an appetizer with a team of smart ladies and guys working in two young companies who are betting on turning the data analysis technology from excellent research to profitable business.

Pint of Data
From left: Matteo Santoro (Camelot CEO), Marcello Morchio and Giancarlo Gaimari (TalenTour co-founders), Sofia Mosci (Camelot Marketing Manager), Andrea Ridi (Rulex CEO), Clio Caminati (Social Media Manager Rulex), Stefano Pedroni and Massimiliano Costacurta (Rulex)

Continue reading A “Pint of Data” with Rulex and Camelot

MEZZO SECOLO DI IDEE E SUGGESTIONI IN TUTTO IL MONDO

Sabato 14 novembre TalenTour ha visitato Villa Nave a Vesima, sede della Fondazione Renzo Piano e centro di una progettualità che da Genova ha raggiunto ogni angolo del mondo.

Fondazione Renzo Piano

Un gruppo di architetti, designer e creativi è stato accolto dalle dottoresse dallo staff della Fondazione, e quindi introdotto nell’Archivio Vivo, una specie di scrigno delle ultime idee e intuizioni firmate dallo staff del famoso architetto genovese.

RPBW and TalenTour

Ha introdotto la visita Giovanna Giusto che ci ha accolti nell’enorme ambiente dell’Archivio. dove abbiamo conosciuto progetti in lavorazione nei cinque continenti, inclusi i piani di opere molto vicine a noi, come la nuova torre piloti e la proposta di waterfront tra porto antico e Fiera di Genova.

Giovanna è stata così gentile da registrare per noi un breve video dove riassume le motivazioni che hanno ispirato Renzo Piano ad allestire la Fondazione:

La visita è continuata negli archivi della Fondazione tra disegni, modelli e immagini.

Un vero e proprio viaggio lungo quasi mezzo secolo, che parte dai progetti sperimentali degli anni Sessanta, passa attraverso gli anni Settanta con il Centre Georges Pompidou a Parigi, prosegue negli anni Ottanta e Novanta con il Museo Menil in Texas, l’aereoporto di Kansai in Giappone e il Centro Tjibaou inNuova Caledonia, per arrivare ai lavori più recenti come lo Shard a Londra.

Durante il tour è stato presentato anche il progetto “Blueprint”, appena donato da Renzo Piano alle istituzioni locali.

Tale progetto, definito un “rammendo” dall’architetto genovese, vuole ridisegnare il waterfront di levante, dalla calata Gadda fino alla Fiera e (scavalcando il Bisagno) fino a Punta Vagno, puntando a completare un lavoro che per le Colombiane del ’92 si era fermato ai Magazzini del Cotone e separare le riparazioni navali dalla nautica.

Grazie ancora quindi allo staff della fondazione, Chiara Bennati, Nicoletta Durante, Giovanna Giusto e Giovanna Langasco, per la grande disponibilità e pazienza nel raccogliere, gestire e mettere a disposizione del pubblico una così grande ricchezza.

Giancarlo Gaimari e Marcello Morchio

Open Day Fondazione Renzo Piano – 14 Novembre 2015 – POSTI ESAURITI

logo_fondazione_popup

Il  14 Novembre 2015 si terrà l’Open Day della Fondazione Renzo Piano.

Come TalenTour parteciperemo alla visita delle ore 14:30, presso la sede di  Via Rubens 30A, a Genova (zona Vesima). La durata della visita sarà circa 45 minuti.
Sarà una occasione eccezionale per approfondire la conoscenza dell’eccellenza Italiana nel campo dell’Architettura, particolarmente gradita vista la vicinanza con la mostra appena conclusasi al museo navale di Pegli e di incontrare altre persone con la passione del talento.

Il turno assegnato a TalenTour è tutto esaurito!

Si può contattare direttamente la Fondazione Renzo Piano (al  numero 010 691378 entro giovedì 12 Novembre, dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 13), per verificare se è possibile essere inseriti in un altro turno. 

Nella mappa qui sotto le indicazioni esatte per raggiungere l’appuntamento.

April 2015

Festival della Scienza – La Robotica per la Vita

English Version

Venerdì 30 Ottobre si è svolta l’ultima visita organizzata da TalenTour nell’ambito del programma del Festival della Scienza:
Festival della Scienza

davidSiamo stati accolti da David Corsini, fondatore di Telerobot Labs, che anche questa volta è riuscito, con la sua grande passione per il suo lavoro, a tenere viva l’attenzione dei 18 partecipanti al tour per 90 minuti filati.

L’argomento principale di questa visita è stata la robotica applicata al campo biomedicale per scopi diagnostici, chirurgici e riabilitativi.

Innanzi tutto David ha spiegato che il robot non deve essere visto solo come l’umanoide dell’immaginario collettivo, ma bensì come una macchina a supporto delle attività umane per garantire maggior precisione e per ridurre il rischio di errori. Ha poi illustrato le problematiche e le sfide che vengono affrontate con un’occhio verso il futuro, chiarendo l’importanza di una stretta cooperazione tra chi fa industria e chi fa ricerca. Non deve esserci competizione, ma collaborazione

tlrbtlbs2Abbiamo avuto la possibilità di vedere in azione un robot che è in grado di ripetere con la massima precisione i movimenti del braccio sano e, sfruttando il meccanismo dei neuroni specchio (qui un’intervista al prof. Giacomo Rizzolatti scopritore dei neuroni specchio), è utilizzato per la riabilitazione.

David ci ha poi mostrato con (giusto) orgoglio FEX (Fingers Extending eXoskeleton), fexun guanto esoscheletrico sviluppato da Telerobots Labs per la riabilitazione della mano in pazienti colpiti da ictus, e al quale ora stanno lavorando per rendere il suo ausilio adattativo alla riposta muscolare e nervosa del paziente.

Si è poi parlato del metodo che usa Telerobot Lab per arrivare a proporre e realizzare soluzioni, ogni cliente ha un suo problema e richiede la sua soluzione personalizzata.

Insomma 90 minuti, animati anche dalle diverse domande interessantissime da parte di un pubblico appassionato e curioso, che si sono conclusi con un brindisi ed una fetta di focaccia!!Grazie David!!

Luca Magnanelli

 

Meet Böning: the nervous system of the Super Yachts

Versione Italiana

At the Genoa Boat Show 2015 we had the opportunity to meet a friend who recently joined the German company who leads the market of  control systems for Super Yachts and many other kind of vessels.

deck

Continue reading Meet Böning: the nervous system of the Super Yachts