Archivio: UNIGE

CODEFROR – Ad IIT il congresso internazionale della Robotica Amica

 

foto AlessiaAlessia Vignolo: sta attualmente svolgendo un dottorato in Robotica Cognitiva presso l’Istituto Italiano di Tecnologia e il Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica e Ingegneria dei Sistemi (DIBRIS) dell’Università di Genova.

Precedentemente, ha conseguito una doppia laurea in Ingegneria Robotica in lingua inglese (European Master on Advanced Robotics, per cui ha trascorso l’ultimo anno all’estero), ed ha ottenuto il diploma ISICT, risultando vincitrice di borsa di studio in entrambi i programmi. 

https://it.linkedin.com/in/alessiavignolo


Il 2 e il 3 dicembre si è svolto, presso l’Istituto Italiano di Tecnologia, un workshop internazionale organizzato all’interno del progetto europeo di CODEFROR (Cognitive Development for Friendly Robots and Rehabilitation) da Alessandra Sciutti, ricercatrice, e Giulio Sandini, direttore di dipartimento, di “Robotics, Brain and Cognitive Sciences” (RBCS) di IIT.

023

CODEFROR è un progetto europeo nell’ambito dell’“International Research Staff Exchange Scheme” (FP7-MSCA-PIRSES-2013-612555), che indaga gli aspetti dello sviluppo cognitivo umano con il duplice obiettivo di sviluppare robot capaci di interagire con gli esseri umani in un modo amichevole e di progettare e testare i protocolli per la riabilitazione dei bambini disabili. I partner del progetto sono l’Istituto Italiano di Tecnologia, Università di Bielefeld in Germania, Università di Osaka e Tokyo in Giappone.

019

Durante il workshop si sono susseguite presentazioni molto interessanti da parte dei relatori invitati (sia interni che esterni al progetto), con argomenti che vanno dalla robotica cognitiva alla cognizione umana, dalla interazione uomo-robot, alla riabilitazione robotica e sensoriale, dalla robotica chirurgica alle neuroscienze computazionali.

Di particolare rilevanza sono stati i keynote di speaker esterni, entrambi molto importanti nel loro campo: Dana Ballard (University of Texas) e Rajesh Rao (University of Washington).

 

 

I talk sono stati inoltre inframezzati da una ricca poster session, in cui gli studenti di dottorato hanno potuto  scambiarsi opinioni sui propri lavori con i colleghi degli altri istituti e mostrare i propri risultati ai partecipanti al workshop.

016

20151202_164125
Alessia Vignolo presenting the panel session to Matteo Aragone (ISICT president)

Il workshop si è poi concluso nel migliore dei modi con un tour nei laboratori di IIT, dove i ragazzi hanno fatto alcune dimostrazioni pratiche ed esplicative della ricerca nostrana, a partire dall’interazione uomo-robot con iCub fino all’utilizzo dei dispositivi per la riabilitazione motoria o dei non vedenti, avviando ulteriori collaborazioni con i partner in Germania e Giappone.

010
The red iCub: Alessia Vignolo presenting iCub, with Minoru Asada (Osaka University department Director) and Rajesh Rao, Washington University.

Potete seguire gli eventi e i progressi di CODEFROR su twitter (@codefror) e sul sito (https://www.codefror.eu/) !

Alessia Vignolo

Lab tour for the participants: visit to iCub
Lab tour for the participants: visit to iCub

 

Smart Cup Liguria: La difficile scelta tra i talenti Liguri

 

Un importante evento di innovazione in Liguria, raccontato da un inviato molto speciale: uno dei giurati  che hanno avuto il difficile compito di decidere quali idee premiare!


Foto CV Bella_1Matteo Aragone: è coordinatore scientifico di Genova 2021 e Presidente di Alumni Isict. Dopo aver conseguito una doppia laurea tra Università di Genova e Télécom ParisTech e aver trascorso 5 anni a Sophia Antipolis presso Amadeus, dove ha coordinato progetti internazionali e depositato diverse domande di brevetto, è tornato a Genova convinto di poter dare il suo piccolo contributo per portare innovazione sul nostro territorio.

La SmartCup Liguria si è conclusa il 26 novembre, i verdetti sono scritti: nella categoria principale vince Smart Micro Optics, spinoff di Iit che promette di vendere lenti da applicare sui smartphone per simulare un microscopio, le startup selezionate per accedere al Premio Nazionale dell’Innovazione sono Holaboat, Audio Social Tech e Fluid Smart Grid.
Ho avuto modo di seguire da vicino i lavori della SmartCup Liguria nel ruolo di giurato e, può sembrare una frase fatta, scegliere i vincitori non è stato un compito facile. Eccezion fatta per qualche proposta ancora acerba (ma il compito di una SmartCup è anche far nascere idee anche a chi non avrebbe mai pensato di diventare imprenditore), il livello è stato alto, sia per l’innovatività delle idee sia per la concretezza dei contenuti. Il merito di questo risultato va sicuramente ascritto agli organizzatori della SmartCup (Valeria Rainisio, Silvia Pedemonte e Roberto Merlo di Filse) e più, in generale, a un territorio che ha saputo organizzare numerose iniziative a favore dell’imprenditorialità: Unige, Iit, Camera di Commercio, Confindustria Genova e Genova 2021 sono solo alcune delle realtà che hanno contribuito al crescere del “movimento startup” in Liguria. Molto resta da fare, Fondazione Ricerca Imprenditorialità è un nuovo attore che contribuirà ad un ulteriore balzo in avanti, ma la strada è quella giusta.

L’evento è stato presentato da Manuela Arata, presidente del Festival della Scienza, che con la sua passione dimostra che la ricerca scientifica non deve essere confinata ai laboratori, ma diffusa tramite eventi di divulgazione e il trasferimento tecnologico. Anche l’assessore Edoardo Rixi trova parole positive, afferma che i risultati di SmartCup testimoniano la vitalità del territorio e sostiene che la giunta vuole sostenere le startup tramite incentivi attraverso il disegno di legge per la Crescita (Growth Act).

Ma torniamo ai premi: chi sono e soprattutto cosa fanno le startup?

  • Categorie principali:
    • Vincitore assoluto e categoria industrial: Smart Micro Optics  Spinoff di Iit che progetta di vendere lenti da applicare sugli smartphone per simulare un microscopio.
      smartmicroptics (2)
    • Ict social innovation: Holaboat. Sull’onda della sharing economy, è una piattaforma che permette di condividere barche, una sorta di AirBnb per escursioni marine.logo-holaboat
    • Life science: AudioSocialTech Spinoff di Iit, nato da un progetto europeo per aiutare bambini non vedenti a interagire con il mondo tramite un braccialetto intelligente.audiosocialtech
    • Cleantech: Fluid Smart Grid Metering. Spinoff di Unige specializzato nel perfezionamento delle smart grid.smartfluid
  • Menzioni speciali
    • Pari Opportunità: Holaboat
    • Social: Audio Social Tech
    • Miglior Presentazione: Talos. È uno spinoff di Unige specializzato nella security nel mondo app, ha vinto l’edizione precedente della StartCup di Unige..
  • CCIAA
    • È uno spinoff di Iit che progetta nuovi soluzione innovative nel settore robotica per chirurgia di precisione
  • SmartCup di Unige
    • FluidSmartGrid
    • Wellnx:società biomedica per il telecontrollo di persone anziane
    • BGP: Spinoff di Unige specializzata nella consulenza nel settore edile
  • Talent Garden
    • Talos
    • FlairBit  Spinoff di Unige specializzata nel middleware
    • Spesando (Unige) app per aiutare a fare la spesa scegliendo il supermercato migliore nelle vicinanze.

Tra i numerosi vincitori, mi fa piacere vedere l’ottimo risultato di Talos, spinoff nato da un dottorando iscritto ad Alumni Isict, l’associazione di cui sono presidente e relativa ai laureati che si sono distinti nella loro carriera accademica e hanno terminato il prestigioso percorso di Isict. Tra i nostri soci, non posso non citare Saverio Murgia e Luca Nardelli soci fondatori di Horus che, nello stesso giorno della Smart Cup Liguria, hanno sfiorato l’impresa concludendo tra i finalisti del Premio Marzotto, il più importante a livello italiano per le startup.

Sperando di avervi interessato, vi invito a continuare a seguire Talentour: nelle prossime “puntate” vedremo le interviste ai vincitori di Alberto Balbi e Federica Laureri di Global Shapers, l’associazione per giovani under 30 che puntano a migliorare il nostro territorio seguendo le indicazioni del World Economic Forum.

Matteo Aragone

Una Pinta di CSR con Giovanni Lombardo

La CSR, Responsabilità Sociale di Impresa, sembra roba da Corporations. E a dirla tutta sembra anche un campo un po’ sospetto, una strategia usata dalle grandi aziende per rendere più attraente la propria immagine pubblica.

Giovanni Lombardo, docente all’Università di Genova di Responsabilità Sociale delle PMI, nel corso di Etica economica e responsabilità sociale delle imprese, ci ha raccontato il suo punto di vista, che parte dalla consapevolezza di come funzionano le multinazionali e del costo delle “esternalità” causate dalla pura massimizzazione del profitto.

Tra i materiali usati per il suo corso c’è il film “The Corporation“, che dà della CSR una visione  molto amara seppur oggettiva (Qui sotto il link al film intero, a partire dall’istante in cui si parla di CSR… bastano un paio di minuti).

Ma Giovanni è un ottimista: il suo obiettivo è che  l’impegno di sostenibilità delle aziende sia riconosciuto come vantaggio competitivo, ed elabora con le imprese e le istituzioni  strumenti  volti ad estenderne i vantaggi alle aziende di ogni dimensione ed alle persone che ne costituiscono il fondamento, come il portale  http://www.businessethics.it/.

Ecco in tre brevi video la sintesi delle risposte che Giovanni ha dato alle nostre curiosità, in attesa di avere occasione di incontrarlo in un evento più ampio, come il Salone della CSR che si è svolto recentemente a Milano e che tornerà nel 2016 anche in una tappa Genovese.

Marcello Morchio

Machine Learning Crash Course 2015

Few days ago CBMM and its partners, the Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) , LCSL, and the University of Genova co-organized a Machine Learning Course for this summer in Genoa, Italy.

The course held June 22nd – 26th, 2015, and involved more than 120 researchers, professionals, undergraduate and graduate students coming from all over the world.

DSC06077

Continue reading Machine Learning Crash Course 2015

UNIGE ed i protagonisti dell’IoT si incontrano intorno ad una birra

 

Giancarlo Gaimari IoT

English version

Gli economisti e gli addetti ai lavori sono tutti concordi nell’affermare che l’Internet of Things (IoT) sarà il protagonista di una nuova e significativa rivoluzione economica in cui la tecnologia cambierà il modello di produzione, la funzionalità dei prodotti, le competenze e le tipologie di lavoro necessarie sul mercato.

Continue reading UNIGE ed i protagonisti dell’IoT si incontrano intorno ad una birra

UNIGE and IOT protagonists meeting around a beer!

Giancarlo Gaimari IoT

 

Versione Italiana

Economists and experts unanimously agree that the Internet of Things (IoT) will drive a new economic revolution in which technology will change the production model, the functionality of the products, the skills and the types of work required on the market.

Continue reading UNIGE and IOT protagonists meeting around a beer!

A lezione di Energia: Smart Polygeneration Microgrid UNIGE a Savona

Innovazione Ligure nel campo dell’energia, la rete intelligente per la generazione di energia elettrica e termica che si sperimenta a Savona nel Campus dell’università di Genova.

IMG_8866

Il gruppo di TalenTour, come sempre estremamente vario come estrazione dei partecipanti, ha avuto modo di visitare una eccellenza in tanti sensi. La sperimentazione in corso a Savona sul campo delle reti intelligenti per la generazione di energia è all’avanguardia in campo accademico, ma tende dichiaratamente ad una efficienza di tipo industriale.Professor Federico Delfino

Il Professor Delfino ci ha spiegato come con i 2.4 Milioni di Euro di finanziamenti pubblici iniziali si sia avviata una attività che riesce ad essere un polo di altissimo livello nella ricerca, e che coinvolge grandi aziende del settore energetico della produzione e distribuzione. Il team guadagna commesse che producono ritorno economico, e che produce tecnologie che hanno come obiettivo diretto l’efficienza energetica e quindi un risparmio concreto nel bilancio dell’intero campus universitario. L’obiettivo del pareggio economico con il finanziamento ministeriale è raggiungibile, e viene perseguito mantenendo un altissimo livello di ricerca scientifica.

Continue reading A lezione di Energia: Smart Polygeneration Microgrid UNIGE a Savona

10 Aprile: Il futuro dell’energia parte da Savona!

10 Aprile 2015, ore 14:30 a Savona, visita gratuita.
Usate il pulsante qui sotto per proporre la propria partecipazione alla visita

Microgrid Savona

TalenTour organizza per il 10 Aprile una visita straordinaria alla Smart Polygeneration Microgrid(SPM), micro rete intelligente dell’Università di Genova, presso il Campus Universitario di Savona. SPM ha compiuto un anno a febbraio  e costituisce una delle prime installazioni pilota in Europa di Smart Grid.

SPM header 2

Enable Energy Makers!

L’impiego di fonti di energia rinnovabili e distribuite sul territorio è la strada per ridurre significativamente l’uso di combustibili fossili. La visione è passare dalla generazione  centralizzata dell’energia ad un mondo dove si possa trasformare in energia utilizzabile dove serve e quando serve ogni sorgente che la natura ci mette a disposizione, quando è disponibile e dove è disponibile.

Prevedere quando accendere o spegnere una centrale elettrica, immagazzinare energia in eccesso, immettere energia  in rete quando il vento soffia  o il sole splende, sfruttare  edifici progettati per non solo per consumare meno energia ma anche per produrne. Sono solo alcune delle sfide raccolte dalle Smart Grid.

Ci danno un’idea di questa visione alcuni dei trailer commerciali delle aziende che stanno sviluppando questa tecnologia.

Perchè venire a Savona?

Le tecnologie dimostrate presso la SPM sono assolutamente in via di sviluppo. La gestione “smart”  dell’energia richiede di connettere campi applicativi molto diversi: telecomunicazioni, intelligenza artificiale, automotive, architettura solo per citarne alcuni e senza nemmeno sfiorare gli importanti aspetti sociali ed economici.

In ognuno di questi campi ci sono opportunità di studio e di applicazione, per la crescita di iniziative imprenditoriali ed individuali. Non sappiamo se questa visita sarà la scintilla che darà vita a qualche nuova avventura, ma non vediamo l’ora di accendere questa possibilità.

Ecco un video girato presso il Campus Universitario di Savona, per avere un’anteprima della visita!

 

Coming Soon – SmartGrid: l’informazione ci renderà liberi

Qualche volta succede di essere consapevoli di essere sulla soglia di una rivoluzione. E’ una sensazione quasi di vertigine nel riuscire a vedere qualche sprazzo del futuro, con la certezza che quello che si immagina sarà superato dalla realtà in pochi anni.

Fonte: http://www.thegreenage.co.uk/

Continue reading Coming Soon – SmartGrid: l’informazione ci renderà liberi